Home > Notizie > Cinecomics news > I PEANUTS: nel 2015 nei cinema di tutto il mondo

I PEANUTS: nel 2015 nei cinema di tutto il mondo

Comunicato Stampa

Los Angeles (9 ottobre 2012) __ La Twentieth Century Fox Animation e i Blue Sky Studios hanno acquisito i diritti per la realizzazione di un film basato sull’amato e iconico franchise “Peanuts” di Charles Schulz. L’accordo arriva la culmine di due anni di trattative – basati sulla direzione creativa del film – tra lo Studio e i membri della famiglia Schulz.  L’accordo è stato annunciato oggi da Vanessa Morrison, presidente della Twentieth Century Fox Animation.

Il film, senza ancora un titolo, uscirà nei cinema il 25 novembre 2015. Il 2015 segna il 65esimo anniversario del I PEANUTS: nel 2015 nei cinema di tutto il mondo - Peanuts-Groupdebutto della striscia a fumetti dei “Peanuts” e il 50esimo anniversario dello speciale televisivo, “A Charlie Brown Christmas.”

Charles Schulz ha disegnato la più popolare e influente striscia a fumetti di tutti i tempi, che è stata letta quotidianamente da 355 milioni di persone in 75 paesi. Oltre alla famosa striscia, gli speciali televisivi delle vacanze dei Peanuts come “It’s The Great Pumpkin, Charlie Brown” hanno vinto Premi Emmy e continuano ad essere gli speciali più seguiti durante il prime time in TV.

 Steve Martino dirigerà il film dei “Peanuts”; precedentemente, ha portato sul grande schermo (con Jimmy Hayward) “Ortone e il mondo dei Chi” della Fox/Blue Sky. Martino ha anche diretto (con Michael Thurmeier) il recente successo della Fox “L’Era Glaciale 4: Continenti alla deriva.”  La sceneggiatura è di Craig Schulz con il team di scrittori composto da Bryan Schulz e Cornelius Uliano. Craig Schulz e Bryan Schulz, rispettivamente figlio e nipote di Mr. Schulz, insieme a Uliano, saranno i produttori.

Un ruolo chiave per l’accordo è stato giocato da Neil Cole, chief executive officer e presidente dell’Iconix Brand Group (NASDAQ: ICON), la quale, in una joint venture con la Creative Associates, formò la Peanuts Worldwide nel 2010, casa della proprietà globale dei “Peanuts”. Ralph Millero, direttore dello sviluppo della Twentieth Century Fox Animation, ha lavorato fianco a fianco con Morrison e con la famiglia Schulz per assicurarsi i diritti della proprietà. Vanessa Morrison commenta:  “Siamo eccitati dal fatto di poter lavorare con la famiglia Schulz e la Iconix e onorati di poter portare i personaggi dei Peanuts sul grande schermo. Tutto è cominciato con il nostro amore e rispetto per il lavoro di Charles Schulz. Ringraziamo la famiglia Schulz e la Iconix per permettere alla Fox e alla Blue Sky di portare la propria visione alle nuove generazioni di spettatori.”

Craig Schulz, presidente della Charles M. Schulz Creative Associates, commenta, “Abbiamo lavorato a questo progetto per anni. Abbiamo capito che i tempi erano giusti e la tecnologia è ad un punto che ci permetterà di creare questo film. Sono eccitato per la collaborazione con Blue Sky/Fox per creare il film dei Peanuts che sarà legato alla striscia e continuerà l’eredità in onore di mio padre.”

“Questo è un enorme passo per il brand dei Peanuts. Gli amati personaggi, Snoopy, Charlie Brown e tutta la banda uniscono tantissime generazioni da tutto il mondo,” commenta Neil Cole, CEO della Iconix Brand Group. “Questo film ci darà un nuovo strumento per raggiungere gli appassionati di tutto il mondo e mostrare la forza del brand dei Peanuts, ” aggiunge Cole.

Charles Schulz
Charles Schulz si descrisse una volta come “nato per disegnare strisce a fumetti.” Nato a Minneapolis , a due giorni fu soprannominato dallo zio, “Sparky,” come il cavallo Spark Plug della striscia “Barney Google”. Per tutta la sua gioventù, lui e il padre condivisero il rituale della domenica mattina di leggerne le più divertenti. Dopo aver militato nell’esercito durante la Seconda Guerra Mondiale, Schulz divenne famoso nel 1947 quando vendette un film a cartoni dal titolo”Li’l Folks” alla St. Paul Pioneer Press. Nel 1950, Schulz incontrò la United Feature Syndicate, e il 2 ottobre di quell’anno, “Peanuts,” così chiamato dall’associazione, debuttò su sette quotidiani. Schulz morì a Santa Rosa, California, il 12 febbraio del 2000 – poche ore prima che la sua ultima striscia originale fosse pubblicata sui giornali della domenica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.