Home > BreVisioni > Lost Dogs (Lemire)

Lost Dogs (Lemire)

Lost Dogs (Lemire) - 31FLENNKHOL._SL500_AA300_Mentre su diverse testate DC continua a imperversare il nome del giovane (Aninal Man, Sweet Tooth, Super Boy), l’autore canadese, forte dei successi mainstream, non abbandona le sue origini nell’editoria indipendente e questa estate dà alle stampe con ben due titoli: The Underwater Welder e Lost Dogs.
Quest’ultimo è un breve racconto ricco di pathos e sentimento. Narra la storia di una famiglia povera, ambientata in un passato presumibilmente vittoriano e in un luogo non ben precisato. Dopo che la famiglia viene assalita in una zona pericolosa della città, il padre, nonostante sia un vero e proprio gigante, si ritrova sconfitto e solo.
La sua discesa verso un inferno di sofferenza è veloce, e la sua battaglia per riavere un po’ di ciò che ha perso è commovente. Lemire dipinge il tutto con un tratto più che mai sporco e apparentemente approssimativo, ricco di neri e pennellati quasi frenetiche.
Ricorda un po’ il David Mazzucchelli di Big Man per il protagonista, le sue sembianze, e la sua condizione di uomo solo e impotente nonostante la stazza; ma anche per il tratto evocativo, immediato.
Dall’inizio alla fine, il racconto di Lemire non fa sconti a nessuno, è una parabola della crudeltà umana e un triste sguardo sulla solitudine di un uomo buono. Una storia che prende allo stomaco, da leggere tutta d’un fiato. Da notare, utile proprio a noi lettori d’oltreoceano, come l’editore Top Shelf proponga prezzi davvero abbordabili per le versioni digitali dei propri libri, direttamente dal proprio sito.

Abbiamo parlato di 
Lost Dogs
Jeff Lemire
Top Shelf – giugno 2012 
104 pagine, brossurato, colore – 9,95$
ISBN: 9781603091541

 

Lost Dogs (Lemire) - timthumb-300x203

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.