Webcomics news

Edizioni BD sbarca sul Kindle con i suoi fumetti

Edizioni BD sbarca sul Kindle con i suoi fumetti

Comunicato Stampa

Edizioni BD sbarca sul Kindle con i suoi fumetti - viewer4Da venerdì 7 settembre su Amazon sono disponibili i primi fumetti italiani realizzati con la lettura specifica dei reader Kindle. Un formato che permette di leggere i fumetti su tablet e pc. I fumetti del catalogo di saranno i primi in Italia a sfruttare la tecnologia Panel Magnification del formato Kindle. Si tratta di una modalità di lettura che permette di effettuare ingrandimenti e zoomate sulle vignette delle tavole disegnate, garantendo una facile fruizione e permettendo di apprezzare al massimo la qualità dell’ebook su qualunque schermo. Con parecchi autori del proprio catalogo – firme importanti del fumetto italiano, tra i quali citiamo almeno , , e è entrata con decisione nel mercato digitale. Forte dell’esperienza di collaborazione pluriennale con Disney Publishing Worldwide per lo sviluppo del catalogo digitale della casa editrice di Topolino, BD, con il proprio marchio JPOP, ha realizzato per prima in Europa una app per iPad con manga originali. I titoli per Amazon disponibili da venerdì 7 settembre sono stati tutti rimasterizzati e verranno presentati con una nuova grafica creata ad hoc.

La panel magnification è una tecnologia sviluppata da Amazon per valorizzare al massimo l’esperienza di lettura dei fumetti sui reader digitali e tablet. Grossi editori americani la stanno utilizzando per trasporre le più importanti graphic novel, come la DC Comics che ha reso disponibili numerosi titoli di Batman e Superman. Al momento è supportata dalle applicazioni Kindle, gratuite e scaricabili dal sito Amazon, per Android, iPad, Pc e Mac. «Un fumetto ambientato nel passato proiettato nel futuro,» commenta , colonna del catalogo BD e sceneggiatore per Sergio Bonelli Editore di Dampyr e Dylan Dog. «Sono davvero orgoglioso che Milano Criminale diventi Milano Criminale Digitale!» Anche , tra la maggiori firme Disney del mondo, ha accolto con entusiasmo la trasposizione digitale dei suoi libri – e non solo. «Io sono assolutamente negata per la tecnologia, ma al libro elettronico mi sono convertita quasi subito,» dice la Ziche. «Perché si evitano inutili sprechi di carta. Anche se quando si fa un libro si è convinti di avere prodotto un’opera fondamentale (convinzione destinata a essere comunque smentita in tempi brevissimi), il piccolo tarlo di stare facendo danni all’ambiente rimane. Perché si risolvono i problemi di spazio di chi ha una casa piccola e affollata di libri. E soprattutto perché si trovano, i libri! Senza mettere sottosopra la casa! Basta digitare il titolo, e il libro magicamente appare! A patto di trovare il reader, però…»

www.edizionibd.it

 

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio