Home > BreVisioni > Bleach 53 (Kubo)

Bleach 53 (Kubo)

Bleach 53 (Kubo) - e67216b1cda7c9ed5d85e1550bb11d58Bleach purtroppo ha perso lo smalto dei primi numeri che lo rendeva un appuntamento imperdibile. 
L’attuale trama, che vede contrapporsi Ichigo Kurosaki al misterioso e machiavellico Kugo Ginjo, procede senza il brio, il pathos e la forza narrativa a cui Tite Kubo ci aveva abituato. La caratterizzazione dei personaggi si è appiattita e la vicenda si è ingarbugliata come un gomitolo tra le zampe di mille gatti, al punto da essere a tratti oscura per il lettore poco concentrato. Siamo ormai giunti, ancora una volta, al topos narrativo degli shōnen: il multiscontro dove le due parti in campo duellano in singole tenzoni. L’autore ha ancora qualche freccia al suo arco e riesce a proporre trovate narrative interessanti e divertenti, ma che restano fini a se stesse, come ad esempio l’avversario che ha il potere di viaggiare indietro nel tempo e inserire la sua esistenza nelle vite altrui. Un tema che forse, in un tempo passato nella stessa serie, sarebbe stato sviluppato con più attenzione e sagacia.Altalenante lo stile grafico, lontano dalla delicatezza che trasudava forza nei passati episodi. Bleach è ormai niente di più che uno splendido shōnen, classico nel segno, avvincente nella narrazione, ma che, adagiatosi sul successo che ha generato, non brilla più.
Restando in attesa di risveglio da questo torpore e che Tito Kubo riprenda a deliziarci come ha fatto in passato, viene da domandarsi su quanto dovrebbe sopravvivere una serie alle idee che erano alla sua base.

 

Abbiamo parlato di:
Bleach 53 – The Deathberry Returns 2
Tite Kubo
Traduzione di Simona Stanzani
, Luglio 2012
192 pagine, Brossurato, B/n – 4,50€
ISBN: 977182810090620053 

 

 

 

Bleach 53 (Kubo) - bleach-1586530-600x512

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.