Home > Articoli > Recensioni > Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l’universo First Wave

Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l’universo First Wave

Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l'universo First Wave - firstwave_slide

La linea First Wave, ennesimo mondo alternativo dello straripante universo DC, è stata varata nel 2010 dallo speciale Batman/Doc Savage (Bao Publishin), che fa da prologo a questa prima miniserie dedicata a tale nuova dimensione.
Fortissimamente voluta dallo scrittore , sceneggiatore alle redini anche del volume a cui poc’anzi abbiamo accennato (in Italia sempre per Bao), questa miniserie vede protagonisti tre personaggi fra loro molto diversi, sia caratterialmente che come storia editoriale.
Batman è dei tre il più famoso: gotico, oscuro, con origini sofferte e tutto il peso del mondo sulle spalle. Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l'universo First Wave - first-wave-1
Doc Savage è ciò che ogni uomo vorrebbe essere: un eroe vero e puro, senza zone d’ombra.
Spirit è scanzonato, una creatura tornata dall’inferno col sorriso sulle labbra, diversa perché creata dal più grande di tutti, quel Will Eisner che ha fatto la storia della Nona Arte.
E ad Azzarello interessavano soprattutto loro: i personaggi.

Lo scrittore originario di Cleveland dimostra di aver fatto i compiti a casa: la caratterizzazione dei protagonisti è studiata alla perfezione. Ed ecco che abbiamo il Batman degli esordi, già parzialmente consapevole dell’impossibilità della sua missione e ancora in cerca di partner a cui affiancarsi. Una ricerca lunga, travagliata e tutto sommato infruttuosa, visto che anche il Batman dell’universo reale (concetto, bisogna dirlo, abbastanza vago in casa DC), pur creando una notevole rete di rapporti e amicizie, che ha la sua punta nei vari Robin succedutisi nel corso degli anni, è sempre e comunque un eroe solitario e impuro, un gargoyle spaventoso. Qui Azzarello lo ritrae  ancora speranzoso e giovane, e con in più l’uso delle armi, cesura importantissima che lo differenzia dal Batman che siamo abituati a conoscere, che ripudia le armi da fuoco.

Nel tratteggiare Spirit,Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l'universo First Wave - FRWV_1_dylux-4-copy-195x300 Azzarello rifugge le versioni viste negli ultimi anni (quella deludentissima di Frank Miller, ma anche quelle di Darwyn Cooke e dei suoi successori sulle pagine della serie regolare dedicata all’antieroe di Central City) e va sul sicuro, ritornando alla caratterizzazione pensata per lui dal suo geniale creatore Eisner: un eroe spensierato ma con ampie zone d’ombra, createsi a causa delle difficili e probanti esperienze vissute, tra cui quella che di solito chiude la vita umana.

Anche per ritrarre Doc Savage, storico personaggio nato nella prima metà degli anni Trenta, Azzarello guarda alla sua versione originale, quella cucitagli addosso dal sua creatore Lester Dent, che spesso lo definì “un incrocio tra Sherlock Holmes, Tarzan, Craig Kennedy e Abraham Lincoln”. Un eroe poliedrico, capace di muoversi in tutte le situazioni e nelle ambientazioni più disparate.

Ma quello che impressiona, nel lavoro del creatore di 100 Bullets, è il lodevole utilizzo dei comprimari di questi tre pezzi da novanta: per Batman c’è un Alfred sagace e pungente come al solito, anche lui agli inizi della sua missione di maggiordomo del Cavaliere Oscuro, ancora impegnato a convincere definitivamente il suo padrone a farsi aiutare; per Spirit c’è l’immancabile commissario Dolan, amico-nemico storico, uomo ambiguo ma pur sempre suocero dello stesso Spirit, sempre al confine tra alleato e antagonista, in questo volume in gran forma, vero e proprio motore dell’incontro tra il Doc e Spirit. Per Doc Savage c’è tutto il cast di aiutanti al completo: Ham, Monk, Renny, Long Tom e Littlejohn, tutti perfettamente inseriti nel congegno pensato da Azzarello. Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l'universo First Wave - First-Wave-2-195x300E anche l’antagonista fa parte del cast storico dell’eroe per eccellenza: si tratta di John Sunlight scienziato pazzo e arcinemico dell’Uomo di Bronzo.

Azzarello cala personaggi molto ben tratteggiati in una trama tutto sommato semplice ma attraente, molto più vicina ai classici scenari di Doc Savage tutti avventura e intrigo che a quelli di Spirit e Batman, eroi metropolitani per eccellenza, soprattutto a partire dal secondo volume Bao. Lo sceneggiatore, famoso per aver scritto alle volte storie fumose, contorte e poco chiare, stavolta sceglie uno stile e un ritmo più chiari, comprensibili anche a chi non è un conoscitore ferrato di questi eroi. I dialoghi fra i personaggi scorrono bene e strappano più di un sorriso al momento giusto. Forse risultano meno felici personaggi come Colossi, burattino nelle mani di Sunlight, e sua madre, donna rancorosa e sfregiata, che lasciano di se stessi un’immagine sfocata, poco credibile.

La linea Fist Wave prosegue ad oggi con due serie, una dedicata a Doc Savage e una a The Spirit, scritte rispettivamente da Paul Malmont e Mark Schultz e disegnate da Howard Porter e Moritat. Sicuramente la strategia di aver inserito nella prima miniserie un personaggio trainante come Batman avrà dato i suoi frutti, ma la DC sembra avere fiducia nella possibilità che anche questi due personaggi riescano a portare avanti una serie ongoing.

Ai disegni della miniserie troviamo Rags Morales, disegnatore che ormai da anni si mette in luce per il suo lavoro. Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l'universo First Wave - firstwaveee-195x300Mai diventato una vera e propria superstar, il disegnatore newyorchese è comunque ad oggi fra i più apprezzati artisti americani. Qui il suo stile pulito e classico si esprime su buoni livelli, e dà il meglio di sé nella caratterizzazione grafica dei protagonisti: di tutti e tre Morales dà un’interpretazione che se da un lato ricalca quelle di eccellenti interpreti (viene in mente soprattutto il Batman di J.J. Jones, da cui quello di Morales prende spunto), dall’altra riesce a trovare una propria originalità e freschezza.

In ultima analisi bisogna segnalare la qualità dell’edizione Bao, che seppure di alcuni centimetri più piccola di un normale comic book come formato, ha nella carta di altissima qualità il suo miglior pregio. Anche il rapporto quantità di tavole-prezzo, vero scoglio contro cui alle volte si infrangono pubblicazioni lodevoli, si mantiene in media con quello di case editrici al momento più attrezzate. E bisogna sottolineare ‘al momento’, visto che la Bao in pochi anni ha già fatto molto parlare di sé per le sue iniziative editoriali (non ultima la pubblicazione di Sacro Terrore di Miller) e che punta sicuramente a ingrandire la sua fetta di pubblico e di seguito, anche con pubblicazioni come questi due volumi.

Abbiamo parlato di:
First Wave vol. 1 e 2
Brian Azzarello, Rags Morales
– 2012
96 pagine, brossurati, colore – 9€ cad.
ISBN 9788865430620 – 9788865431047

Riscrivere (ancora) i supereroi DC: l'universo First Wave - 17173793_dc-first-wave-speciale-2-300x207

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.