Home > BreVisioni > Julia # 166 – I due ladri (Berardi, Mantero, Pittaluga)

Julia # 166 – I due ladri (Berardi, Mantero, Pittaluga)

Julia # 166 - I due ladri (Berardi, Mantero, Pittaluga) - julia0166Questa volta ad aver bisogno di Julia non è la polizia ma un criminale: Tim O’Leary, il ladro dalle fattezze di Cary Grant già incontrato dalla criminologa (Julia #64: La notte dei diamanti). Per salvare la vita al fratello Theo, Tim deve impadronirsi di un quadro di Gauguin. 
Albo in certa misura atipico rispetto alle caratteristiche, ormai consolidate, della serie: la tranquillità con la quale la stimata professoressa universitaria, nonché collaboratrice della polizia, indossa la calzamaglia e si dà al furto con destrezza è inverosimile, ma non deve essere questo il criterio col quale leggere una storia che ha un taglio decisamente leggero e avventuroso. Il modello è evidentemente quello della commedia brillante, con il cattivo dallo yatch chilometrico e il ladro gentiluomo a fare la parte del buono. Non a caso il volto di Tim è quello del protagonista di Caccia al ladro, il fratello Theo ha le sembianze di Brad Pitt, protagonista di Ocean’s Eleven. La sceneggiatura è confezionata con la solita cura, i dialoghi veloci riescono, quando necessario, a informare il lettore senza annoiarlo e, pur mantenendo la connotazione brillante, la narrazione non manca di spunti in grado di alimentare la psicologia dei personaggi, in primis la riflessione di Julia sulla propria difficoltà ad avviare relazioni sentimentali. Non sempre convincenti i disegni, a tratti eccessivamente stilizzati ed incapaci, soprattutto nella sequenza del furto, di trasmettere il pathos necessario.

Abbiamo parlato di:
Julia # 166 – I due ladri i
, , Luigi Pittaluga
, Luglio 2012
130 pagine, brussurato, bianco e nero – € 3,40
ISBN: 9771127177005

 

Julia # 166 - I due ladri (Berardi, Mantero, Pittaluga) - juk166_2_g

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.