Home > BreVisioni > Batman #3 (Snyder, Capullo, Daniel, Higgins, Barrows)

Batman #3 (Snyder, Capullo, Daniel, Higgins, Barrows)

Batman #3 (Snyder, Capullo, Daniel, Higgins, Barrows) - batman_3Il nuovo corso impresso dal reboot DC all’universo narrativo di Batman si sta rivelando qualitativamente più che appagante, offrendo su tutte e tre le testate raccolte dal mensile Lion autori convincenti e trame ricche di spunti.
e su Batman stringono sempre di più il cerchio attorno all’Uomo Pipistrello, rendendo la minaccia della Corte dei Gufi sempre più tangibile e pericolosa per il protagonista, e mostrando le profonde radici che questo nuovo nemico affonda in Gotham City e nella stessa famiglia Wayne, una visione affascinante e ben raccontata.
I disegni di Capullo – cupi, dettagliati, di classe – esaltano lo stile di Snyder.
su Detective Comics, d’altro canto, prosegue in maniera sicura e interessante la sua storia, svelando qualcosa di più sull’inquietante Dollmaker e mettendo in scena una trama in perfetto equilibrio tra azione pura (esaltata dai disegni dell’autore) e misteri da detective story.
Nightwing chiude l’albo continuando ad esplorare le inquietudini di Dick Grayson, che provengono dagli spettri del suo passato che ritornano bruscamente nel presente sotto forma del Circo Haly e dei torbidi misteri che vi si annidano. Ottimi i disegni dall’appeal moderno ad opera di Barrows e Pansica.

Una menzione spetta ad Elena Pizzi, autrice degli interessanti articoli di approfondimento presenti nello spillato, e alla BatMail, una pagina inaugurata lo scorso mese e che si rivela ottima come concetto e risultati.

Abbiamo parlato di
Batman #3
Scott Snyder, Greg Capullo, Tony Daniel, , Eddy
Traduzione di Stefano Visinoni
RW-Lion Comics, luglio 2012 
72 pagine, spillato, colore – 3,70€
ISBN 977887472334

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.