Recensioni

Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato

Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato

Korrigan, opera pubblicata precedentemente in quattro volumi non tutti reperibili in Italia, esce ora in versione integrale presso edizioni. Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato - 02832-500x500Un fumetto fantasy che ripropone, stereotipandoli forse un po’ troppo, tutti gli elementi di genere.

L’ambientazione è quella di un’Irlanda del 1100 D.C. – provincia dell’Ulster – la prima notte di settembre, detta di Samain. Notte in cui i passaggi che congiungono il nostro mondo e quello degli Dei dei tempi eroici e delle creature incantate si aprono, lasciando gli umani in balia di esseri fantastici e mostruosi. Sorte che tocca alla famiglia di Luaine, giovane protagonista di questo racconto, la cui madre e il cui nonno vengono rapiti in un agguato.
Segregato presso le mura della propria oscura fortezza sin dalla notte dei tempi, da potenti druidi gaelici, Balor, il terribile signore di questa parallela dimensione, cerca disperatamente una via di fuga. Spalleggiato dai tre potenti e servili figli, Turmac, Stagar e Astur, si serve delle creature delle tenebre e delle popolazioni assoggettate per catturare uomini, ogni notte di Samain, con lo scopo di sottrargli il segreto dell’incantesimo che lo tiene prigioniero e scioglierlo.
Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato - 0019b73e_mediumLa piccola Luaine, salvata e aiutata dai coraggiosi e generosi Eolas ed Enner, appartenenti al popolo dei korrigan, s’incammina alla volta del castello.
I korrigan sono piccole creature che si distinguono per la nobiltà d’animo e la determinazione dei propri propositi, espressione del loro valore. Sottovalutati per capacità e forza, finiscono con l’essere l’elemento che fa la differenza nel determinare le sorti dello scontro finale. Ad aiutarli nell’impresa ci sono la ferina Medh Maeb, entità fatata e capace di mutare in un lupo, la stirpe dei Tuatha de Danaan, coraggiosi guerrieri che combattono le forze del male, e, infine, il potente Shassurrah, mitico essere degli abissi, la cui unione magica con la protagonista sarà decisiva ai fini della battaglia.

Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato - korrigans_delcourt_bd3_pl1

Un’avventura prodotta dalla collaborazione tra Thomas Mosdi ed , conosciutisi entrambi a una fiera di fumetti e accomunati dalla passione per il fantasy e la mitologia. Musicista e autore di giochi di ruolo, Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato - Korrigans4_binnen-11nell’ambiente del fumetto Mosdi si fa conoscere con L’ile des mortes e Xoco. Civiello, già noto per Il seme della follia, fortemente influenzato da autori quali Renè Hausman e Brian Freud, si distingue per la sua tecnica sviluppata tramite disegni su fogli di grande formato e direttamente colorati. Capacità che incide certamente sulla qualità del lavoro, rendendolo realistico e dettagliato.

Korrigan è un fumetto che risalta per intensità; il disegno è curato e affascinante, capace di coinvolgere e stimolare la fantasia del lettore; la scelta dei colori e l’uso fatto, nei diversi momenti del racconto, assieme all’attenzione per la plasticità espressiva dei personaggi con i loro stati d’animo e la varietà dei mostri ed esseri bizzarri raffigurati, sono di grande bellezza. Vengono proposti molti degli elementi del genere letterario, la mitologia fantastica e i paesaggi surreali, tutti ben rappresentati da Civiello. Curiosità, stupore e divertimento sono gli effetti suscitati dalle sue tavole.

A questa ricchezza e capacità va mossa, però, una critica alla trama. La quantità di episodi attraverso i quali si evolve e si conclude rende non sempre articolato e fluido lo sviluppo, risentendo di un’evoluzione della storia in cui le vicende risultano più funzionali a presentare i vari episodi e il loro susseguirsi, che non a una reale necessità e qualità di narrazione. Molte cose accadono: un cambio continuo e rapido di situazioni e ambientazioni che non servono, comunque, a giungere a un climax ottimale, capace di coinvolgere il lettore e “cuocerlo” a dovere. Una lettura rapida alla quale non ti appassioni veramente.

Korrigan, avventure fantastiche da un regno incantato - 0019b74a_medium

Alcuni stacchi sembrano poi accavallarsi occupando lo spazio necessario per approfondimenti e caratterizzazioni importanti, utili per definire meglio alcuni personaggi e rendere più accattivanti certe situazioni. I personaggi secondari sono tratteggiati in maniera ovvia e superficiale, stereotipi di quello che dovrebbero essere. Quelli principali non hanno modo di rappresentare adeguatamente le doti e i caratteri che incarnano, ad esempio non viene mai lasciato loro troppo spazio per restare in compagnia di se stessi, con riflessioni e sensazioni proprie. 

Un lavoro da leggere e apprezzare per la qualità dei disegni e la ricchezza di spunti offerta da questo genere di narrativa. Carente però di una trama non sempre approfondita e, a tratti di corto respiro, rischia di apparire agli appassionati un po’ sorpassata.

Abbiamo parlato di:
Korrigan l’integrale
Thomas Mosdi,
Traduzione di Marco Cedric  Farinelli
, aprile2012
192 pagine, brossurato, colori – 17.00€
ISBN: 978-88-7759-516-4

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio