Home > BreVisioni > Dei – In vino veritas (Crippa, Tenderini)

Dei – In vino veritas (Crippa, Tenderini)

Dei - In vino veritas (Crippa, Tenderini) - dei-in-vino-veritasIV millennio: gli dèi esistono e sono fra noi, ma la loro forza e sopravvivenza dipendono dal numero dei loro seguaci. Fra le divinità, quindi, la lotta per la vita coincide con quella per la conquista dei fedeli: è cioè una lotta per la fama, e gli dei ricorrono a qualsiasi mezzo per conquistarla o eliminare rivali, infanticidio compreso.
In questo scenario dai tratti gaimaniani (da Sandman ad American Gods), costruisce un intreccio dai toni grotteschi, con abbondanza di slapstick e ritmo frenetico nel quale gli spunti satirici e allegorici restano al margine della storia, lasciando la scena alle gag. Il gioco di fondo è quello di costruire empatia verso figuri moralmente ignobili, annegando la loro meschinità nel ritmo delle gag.
Efficacissimo, in questo contesto, lo stile di , che deforma corpi (poteri e attributi degli dei degradano o aumentano in funzione della loro fama), volumi e ambienti in perfetta sintonia con il tono grottesco della vicenda.
Questo primo volume uscì nel 2010 in Francia per Ankama e il secondo è atteso entro l’anno per BAO. È lettura assai godibile, che in prospettiva presenta il rischio di sostanziale ripetitività, nel senso che, pur potendo contare su variazioni comiche potenzialmente illimitate, esattamente come le caratteristiche delle divinità e dei culti da mettere in scena, la comicità da sola potrebbe risultare sterile. La sfida, quindi, sarà trovare un equilibrio virtuoso con altre componenti (satira?).

Abbiamo parlato di:
Dei – In vino veritas
Alex Crippa, Emanuele Tenderini
– 2012
128 pagine, cartonato, colori – 16,00 €
ISBN: 9788865430781

 

Dei - In vino veritas (Crippa, Tenderini) - invinoveritas1

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.