Home > BreVisioni > Legion 75 #4: Radio-Attività (W.Riccio, R.Riccio, Trono)

Legion 75 #4: Radio-Attività (W.Riccio, R.Riccio, Trono)

Quarto appuntamento per la bella serie fanta-horror ideata da che, come di consueto, si svolge su due Legion 75 #4: Radio-Attività (W.Riccio, R.Riccio, Trono) - 5594_1piani temporali diversi. Nei capitoli ambientati nel 1975, Byron Truman, ex-killer dell’M16 ora passato alle dipendenze dell’organizzazione chiamata Black Clover, è inviato a Berlino Est, dove pensa di trovare Caliban, capo della setta Sovereign e suo reale bersaglio. Intanto nei capitoli che si svolgono nel 1985, il protagonista incomincia lentamente a ricordare il suo passato e prosegue la ricerca della fantomatica sopravissuta che ha richiesto il suo aiuto; ricerca che lo porta verso Istanbul.
Riccio continua il buon lavoro fino a qui compiuto, facendo collidere le due epoche per la prima volta, arricchendo con nuovi elementi le sue due trame e i suoi due protagonisti. I capitoli migliori, comunque, rimangono quelli dedicati all’uomo senza nome, dove lo scrittore riesce a mantenere sempre alto il livello d’immersione e il ritmo del racconto. Se i capitoli del 1975 sono affidati come sempre agli espressivi disegni di , nei capitoli del 1985 esordisce con ottimi risultati Walter Trono, le cui tavole sono una vera gioia per gli occhi. Dotato di un tratto elegante e potente, particolareggiato ed evocativo, Trono risulta essere uno dei migliori disegnatori di Legion 75. Una miniserie da provare e recuperare.

Abbiamo parlato di:
Legion 75 #4: Radio-Attività
Walter Riccio, Renato Riccio, Walter Trono
, Giugno/Luglio 2012
98 pagine, brossurato, bianco e nero – € 2,70
ISBN: 9772239996003

Legion 75 #4: Radio-Attività (W.Riccio, R.Riccio, Trono) - Legion754_ink

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.