Home > Articoli > Recensioni > A caccia di rane: diventare grandi con Michele Petrucci

A caccia di rane: diventare grandi con Michele Petrucci

L’intelligente collana Gli Anni in Tasca di Topi Pittori, che si concentra sulle testimonianze autobiografiche di infanzia e adolescenza di grandi scrittori, A caccia di rane: diventare grandi con Michele Petrucci - caccia-di-rane-353x500-211x300dall’anno scorso viene declinata anche a fumetti nella versione Graphic. Dopo Bacio a cinque di Giulia Sagramola e Il magnifico lavativo di Tuono Pettinato, tocca ora a (Metauro, Il brigante Grossi e la sua mirabile banda e Factory) ricordare, rielaborare e raccontare la sua infanzia marchigiana.

In A caccia di rane Petrucci decide di circoscrivere il racconto alla durata temporale di un’estate, ma non un’estate qualsiasi: in questo caso si tratta dell’estate topica, quella in cui avviene la crescita, il “momento di passaggio” che è centrale alla narrazione di tanta letteratura per ragazzi.

Scandito in sei capitoli intitolati come le fasi di maturazione della rana (uovo, larva, girino, etc.), il fumetto di Petrucci si dipana tra la coltivazione di un orto, la gara di sputo dei noccioli di ciliegia, avventure contro coccodrilli immaginari, una gita in montagna, l’Uomo Tigre, A caccia di rane: diventare grandi con Michele Petrucci - imagesgli orchi di tante storie di paese; e, grazie a un disegno scarno ma pieno di dettagli, riesce a mischiare realtà e fantasia come tanto spesso accadeva durante le nostre giornate d’infanzia.

L’idea di una collana come quella di Topi Pittori si basa sull’idea che sia possibile e importante tramandare esperienza da una generazione all’altra.
Gli anni in tasca
cerca di avvicinare i bambini alla narrazione autobiografica e alla comprensione del passaggio del tempo, abituandoli gradualmente al concetto di Storia, e pare davvero una collana necessaria in un’epoca costantemente schiacciata sul presente e dove la relazione tra generazioni diventa sempre più labile. A caccia di rane: diventare grandi con Michele Petrucci - raneautoritrattoblog-1-283x300
Nella sua declinazione graphic può fungere da educazione al visivo e nello specifico è una delle primissime collane dedicate ai fumetti per bambini in Italia.

La prova di Petrucci rischia un po’ la nostalgia, essendo molto meno imbevuta di ironia dei due autori precedenti e, viene da chiedersi, in che modo la collana possa evitare il pericolo del già visto e sentito che può emergere dalla scelta di autori che condividono una gran parte del loro immaginario, a causa della loro vicinanza generazionale (e addirittura geografica).

Non leggendo un titolo dopo l’altro, però, così come probabilmente faranno i lettori d’elezione degli Anni in tasca (bambini e bambine dagli otto anni), e privilegiando la lettura dell’albo singolo, questo A caccia di rane è davvero godibile.

Abbiamo parlato di:
A caccia di rane
Michele Petrucci
Topi Pittori – Gli anni in tasca graphic
110 pagine, brossura, un colore – 16,00 €
ISBN 9788889210840

A caccia di rane: diventare grandi con Michele Petrucci - petrucci2-600x436

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.