Home > BreVisioni > Dylan Dog Color Fest #8: Historieta (AA.VV)

Dylan Dog Color Fest #8: Historieta (AA.VV)

In una stagione non esaltante per l’indagatore dell’incubo, avevo riposto molte speranze in questo Dylan Dog Dylan Dog Color Fest #8: Historieta (AA.VV) - dylcf08Color Fest #8: Historieta. “Historieta” è la parola spagnola per “fumetto,” e infatti a illustrare questo speciale sono stati chiamati quattro maestri del disegno Iberico/argentino. L’albo è composto, come sempre, da quattro storie di 32 pagine, ciascuna affidata a un differente team creativo. Se la prima storia, “La Grande Nevicata” (una sorta di rivisitazione de L’Eternauta) di Mignacco e Breccia, si salva grazie alle magiche matite del maestro argentino che, nonostante il passare degli anni, mantiene una pulizia e una perizia del tratto invidiabile, non si può dire altrettanto del resto del volume. I quattro sceneggiatori mettono Dylan al centro di altrettante storie banali, piatte, risapute e prive spunti interessanti. In questo tipo di progetti, forse sarebbe meglio affidarsi a sceneggiatori estranei al mondo di DYD, capaci di trovare nuove soluzioni e valide alternative narrative. I restanti tre illustratori forniscono un contributo non all’altezza delle loro enormi capacità, con tratti scialbi e svogliati e uno studio del personaggio insufficiente, che risulta in una caratterizzazione grafica del protagonista troppo lontana da quella classica (lo stesso Dylan di Breccia sembra in realtà più il suo Alvar Mayor). Un’altra occasione sprecata.

Abbiamo parlato di:
Dylan Dog Color Fest #8: Historieta
, Pasquale Ruju, Giovanni Gualdoni, Andrea Cavaletto, , Lito Fernandez, , José Ortiz
, 2012
130 pagine, brossurato, colore – €4,80
ISBN: 9771971947007
Dylan Dog Color Fest #8: Historieta (AA.VV) - 559413_262402877189461_145868812176202_501956_773017806_n

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.