Scrivere di fumetto

Grattacieli e superuomini: tra fumetto, cinema e metafore

Grattacieli e superuomini: tra fumetto, cinema e metafore

Spesso si ha l’impressione che il mondo della ricerca scientifica, Grattacieli e superuomini: tra fumetto, cinema e metafore - GRATTACIELI_E_SU_4d8083dcf2971i suoi schemi, i suoi linguaggi, siano lontani anni luce dal mondo reale e che anche gli studi migliori e più interessanti necessitino di una “traduzione” per renderli comprensibili e chiari al pubblico comune.

Nel caso del libro di Federico Pagello, “Grattacieli e superuomini” (frutto di una ricerca di Dottorato condotta presso il Dipartimento di Musica e Spettacolo dell’Università di Bologna) ci troviamo di fronte a un fortunato caso di testo di grande interesse e spessore scientifico, ma al tempo stesso godibilissimo per il grande pubblico degli appassionati di cinema e cinema. Saggio molto denso e ricco di approfondimenti sul triplice rapporto fumetto-città-cinema, il libro di Pagello è una ricognizione intelligente e mai banale sul grande immaginario collettivo rappresentato dall’esperienza della città metropolitana (attraverso la descrizione della trasposizione del mondo dei supereroi al cinema) e una occasione di lettura e approfondimento che è gustosissimo affrontare.

Il tema centrale di questo testo è la descrizione dei modi in cui il cinema, (ri)appropriandosi delle narrazioni dei fumetti supereroistici, Grattacieli e superuomini: tra fumetto, cinema e metafore - locandinaabbia prodotto a partire dalla fine degli anni ‘70 (e continui a farlo) una rilettura dei temi che sono alla base di quelle narrazioni, aggiornando la rappresentazione della città (e quindi della cultura) americana. Operando una suddivisione di comodo tra due macro-periodi (1940-1977 e 1978-oggi), Pagello descrive l’evoluzione della rappresentazione di un rapporto conflittuale, e solo in pochi casi eletti veramente “risolto”, tra trasposizione cinematografica del supereroe e natura della città in cui la narrazione si svolge. 
Il passaggio storico cruciale è contrassegnato da “Superman, the movie” di Richard Donner (1978). In questo film il mito (infantile?) della Metropolis dei fumetti della Golden Age si risveglia nella drammatica realtà della New York di fine anni settanta, dominata dalla crisi economica e dalla violenza. “You’ll believe a man can fly” era lo slogan del lancio pubblicitario del film e manifestava appunto l’intenzione di trasferire, con tutte le conseguenze del caso, una narrazione bidimensionale e “datata” nella Storia reale della città americana per eccellenza (e di condizionarne ancora una volta l’immaginario collettivo).

Grattacieli e superuomini: tra fumetto, cinema e metafore - 1237680020
La Gotham City di Tim Burton

A distanza di molti anni è con “Batman” (1989) che si assiste ad un atteggiamento diametralmente opposto: la Gotham City di Tim Burton è la scenografia perfettamente accordata al carattere gotico di un eroe dal costume di carapace le cui orecchie a punta riecheggiano nella forma dei pinnacoli della città. Supereroe e metropoli vengono riuniti in un’unica concezione estetica.

Il libro ripercorre in questo modo le tante trasposizioni cinematografiche di questi anni fino alle esperienze Grattacieli e superuomini: tra fumetto, cinema e metafore - Spider-Man_208Pyxurzpiù recenti di film come “Spiderman” di (2002), in cui l’eroe si muove in una New York che celebra la storia della grande mela (dei suoi luoghi simbolo e delle sue architetture) ma che è in qualche modo “reinventata” per recuperare una atmosfera e una luce che richiamano direttamente le prime storie degli anni ‘60 o, ancora, in cui il protagonista si trova perfettamente a suo agio nella scena post-urbana dominata dai media e dalla potenza della comunicazione (“Iron Man” di John Favreau, 2008).

Come riflessione a latere, c’è da dire che la distanza (temporale, artistica, estetica) tra il film di Donner e l’attuale sfruttamento cinematografico del fumetto supereroico è tale che forse è forzato parlare di un unico “secondo periodo” e che non è tutto oro quello che luccica sull’armatura di Iron Man. In generale si ha da qualche tempo la netta sensazione che dall’entrata in scena in maniera diretta dei Marvel Studios nella produzione di “blockbuster” (le virgolette sono d’obbligo) come “Thor” o “Captain America” l’aspetto più squisitamente commerciale abbia fagocitato in maniera evidente altri tipi di riflessione e che solo qualche regista valido ( tra tutti) abbia il merito di far decollare questi allegri baracconi (quasi) senza intoppi.

Naturalmente questo non indebolisce la riflessione di fondo del saggio e, come afferma lo stesso Federico Pagello la riscoperta del genere supereroico da parte del cinema è la dimostrazione del fatto che tale genere è capace ancora di dar forma alle tensioni culturali del nuovo secolo, così come si è dimostrato perfetta metafora della cultura americana del Novecento.

Abbiamo parlato di:
Grattacieli e superuomini
Federico Pagello
Le Mani, 2011
256 pagine, brossurato – 16,00€
ISBN: 8880125761

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio