Home > Articoli > Recensioni > No comics e la fine del mondo (del fumetto)

No comics e la fine del mondo (del fumetto)

Dopo il volume dell’anno scorso No comics, il fumetto non esiste, , No comics e la fine del mondo (del fumetto) - copertina-nocomics-webdecide di pubblicare proprio nel 2012, anno che grazie ai Maya ha costretto molti a riflettere sulla tematica dell’Apocalisse, un volume dal titolo No comics, la fine del fumetto.

Il tema della fine del mondo tuttavia non si lega soltanto alle visioni catastrofiche in cui tutto si distrugge e non rimangono altro che macerie informi, ma anche alla possibilità di ricreare e al risorgere di un mondo nuovo, purificato dalle vecchie corruzioni.

È proprio in seno all’interpretazione del caos come rigenerazione che sorge l’idea di questa raccolta. Con la voglia di dare spazio a chi ancora non ha trovato un posto sul mercato, nasce durante il No fest!, festival di musica indipendente di Torino, la Comic Battle che ha dato vita attraverso una competizione live, e quindi il più genuina e spontanea possibile, ai racconti di molti giovani fumettisti emergenti: tra tutti i quattro raccolti in questo volume si sono guadagnati il riconoscimento della giuria e la possibilità di essere pubblicati.

Il tema diventa allora non uno stereotipo, l’adesione passiva a una chiacchiera fin troppo sentita in questo anno-simbolo, ma la proposta di creare uno spazio libero dalle logiche di mercato, in cui l’espressione di giovani disegnatori possa trovare libertà e visibilità e in cui un nuovo tipo di fumetto possa porre le basi per dimostrare il proprio valore e la propria realizzabilità.

No comics e la fine del mondo (del fumetto) - nocomisc2

Le quattro storie sono differenti per stile, background culturale degli artisti, modo di affrontare il tema e “morale” del racconto a vignette, mentre elementi in comune sono la carica e la potenzialità espressive che si rinvengono anche dietro a un tratto per certi aspetti ancora acerbo. No comics e la fine del mondo (del fumetto) - No-comics-la-fine-del-fumetto11-214x300

Il primo dei brevi racconti, Croste dalla fine del mondo, disegnato da Matteo Manera, racconta la storia di un Mosè decaduto, ormai barbone ubriaco, che ha come unico interlocutore una bottiglia di vino alla quale comunica di aver trovato un ritaglio di giornale che parla dell’imminente fine del mondo.
La narrazione scorre con un ritmo costante, dato dall’impostazione classica della pagina suddivisa quasi sempre in sei vignette, che talvolta, quando lo sguardo dell’artista preferisce zoomare su un dettaglio rivelatore, si arresta per concentrarsi su dettagli di valore narrativo o dalla particolare carica umoristica, come il povero Pacman scimmiottato e incastrato sul fondo di un vicolo cieco.
Difficile non cogliere, dietro all’umorismo coinvolgente di questo giovane artista, la critica a una società in cui il messaggio messianico sarebbe arrivato a un ubriacone, che avrebbe costruito l’arca con una serie di fogli di cartone raccolti per strada.

No comics e la fine del mondo (del fumetto) - nocomisc1

Più lontano ancora dalla nostra quotidianità è il secondo racconto di Andrea Dotta intitolato Jhonny Dinamic in Indù attack.
Il protagonista è qui un pollice vestito da cow boy che con una goffa mucca pezzata come compagna cerca di combattere un’improbabile duofusione tra mitologia Indù e supereroi dei fumetti: il dio della distruzione Shiva si è infatti alleato con Atomic Girl, vecchia fiamma del protagonista, per distruggere il mondo.
Tra inseguimenti e onomatopee, vignette e impaginazione che si muovono liberamente per le pagine, dando dinamismo all’intero racconto, l’effetto comico si trascina fino alla fine dove l’ultima immagine è dedicata alla minaccia del ritorno di un mostro bionico con la testa di Hitler e la svastica sul petto.

No comics e la fine del mondo (del fumetto) - No-comics-la-fine-del-fumetto21-214x300Urban Gorilla di Valentina Capobianco, riprende invece tematiche che ricordano i grandi classici della distopia del Novecento, da Huxley a Orwell, ambientando le vicende in un mondo dominato da un regime totalitario in cui la cultura e soprattutto il fumetto sono banditi e vengono spacciati di nascosto da piccole cerchie di giovani eroi metropolitani che indossano felpe col cappuccio.
In chiusura del volume, nella breve descrizione che gli artisti fanno di sé, Valentina si definisce amante della controcultura e del rock’n roll, riferimenti che non sono certo difficili da rinvenire nel suo tratto realistico, che non scorda di mettere sul gilet del grande gorilla una spilletta col simbolo della pace e di mettergli in bocca parole di uguaglianza e di libertà di pensiero in uno stile che spesso ricorda le copertine degli album rock degli anni Settanta.

Se dalla penna di Valentina emergono i colori psichedelici della rivoluzione del ‘68 in spirali No comics e la fine del mondo (del fumetto) - No-comics-la-fine-del-fumetto-214x300e onde in movimento che fanno da sfondo all’azione dei personaggi, molto più cupa è invece l’ambientazione dell’ultima delle quattro storie. In Magnetismo animale di Elena Grossi la fine del mondo è letta attraverso uno sguardo più intimistico: le domande del protagonista riguardano il crollo delle certezze filosofiche tipiche dell’uomo contemporaneo e si alternano a intere pagine in cui la parola svanisce per lasciar posto a immagini dedicate alla caduta costante e ininterrotta di Miloch in una realtà onirica, resa attraverso la dominanza del colore nero che talvolta ricopre lo sfondo stesso della pagina.
L’Apocalisse non si sventa allora grazie a un Messia con una bottiglia in mano, grazie a un’utopia autogestita da uno scimmione pacifista o all’intervento di un pollice coraggioso, ma grazie al risveglio da un brutto sogno, sulle lenzuola ancora sudate di un letto dove la propria compagna è stata vittima dello stesso, angosciante, incubo.

Stili e risposte molto diverse consentono di ridere e al contempo riflettere sulla sorte del nostro mondo o, per lo meno, se non si vuole andare così a fondo, su quella del fumetto che troppo raramente lascia spazio alle giovani voci di talenti come questi.

Abbiamo parlato di:
No comics, la fine del fumetto
Matteo Manera, Andrea Dotta, Valentina Capobianco, Elena Grossi
Eris Edizioni, 2012
80 pagine, brossurato, bianco e nero, 10 euro
ISBN: 9788890693908

Riferimenti:
Eris Edizioni: www.erisedizioni.org

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.