Home > BreVisioni > Rat-Man #90 – La camera delle sorprese (Ortolani)

Rat-Man #90 – La camera delle sorprese (Ortolani)

Rat-Man #90 - La camera delle sorprese (Ortolani) - 2a9a734L’albo che chiude la trilogia magica e che raggiunge un numero sicuramente di rilievo per la testata, purtroppo non si rivela particolarmente riuscito.
realizza infatti una storia ibrida, che racchiude il suo grande pregio e il suo grande difetto all’interno della stessa causa
Il cuore dell’avventura è infatti rappresentato dallo scontro verbale tra Valdifass, il Signore Oscuro incautamente risvegliato dal trio di protagonisti, e Jannifer Bellanatroccola, vale a dire l’arma che Magazzi e i suoi amici hanno recuperato nello scorso episodio, e che altro non è se non quel tipo di ragazza bipolare, un po’ facile e bellissima, in grado di rovinare l’esistenza degli sventurati maschi e che l’autore ben identifica con il termine “sgnaccamaroni”. 
Se da un lato le 13 tavole di questo devastante dialogo sono un concentrato di idee, gag e battute al vetriolo come solo Ortolani sa sfornare, dall’altro non si può ignorare che oltre a quello c’è ben poco: poca la magia che dovrebbe permeare la saga, poco lo spazio dedicato a quello che precede e soprattutto a quello che avviene dopo il climax della storia, poco il pathos per la conclusione della trilogia. 
Tutta la “pseudo-parodia” finisce quindi per essere un pretesto per analizzare una particolare figura femminile in modo inconsueto, e posso anche accettarlo, ma col senno di poi la cosa appare priva di equilibrio a livello narrativo e un po’ troppo diluita.
Ne risulta una storia sicuramente simpatica e godibile, ma lontana da certe vette a cui ci ha abituati.

Abbiamo parlato di:
Rat-Man #90 – La camera delle sorprese
Leo Ortolani
, maggio 2012
64 pagine, brossurato, bianco e nero – 2,50€
ISBN: 9771828890005

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.