Home > Articoli > Recensioni > Roberto La Forgia e il signore dei colori in un viaggio nell’infanzia

Roberto La Forgia e il signore dei colori in un viaggio nell’infanzia

 Roberto La Forgia e il signore dei colori in un viaggio nell'infanzia - il-signore-dei-colori-211x300L’infanzia in un piccolo paese di campagna – della Puglia per l’esattezza – un gruppetto di piccoli amici, i bulletti di periferia di qualche anno più grandi, i polverosi giri in bici, i primi tiri di sigarette e tutte quelle scoperte ingenue e quelle piccole rivelazioni ed epifanie che segnano il periodo precedente all’adolescenza.
È lì che si muove Il Signore dei Colori di , in un’area in cui i ricordi e le dicerie di paese si uniscono.

Ci sono i tre amici che si prendono in giro ma anche molto sul serio; goffi e spudorati come i bambini dei Peanuts, ma sboccati e moderni come il gruppetto di protagonisti di South Park. Deformi ed essenziali nel tratto come questi ultimi, ma non per una finalità comica, bensì con l’intento di ridurre all’osso la personalizzazione e la caratterizzazione, come se i contorni fossero annebbiati, con l’accecante arancione molto presente, e corrotti dal ricordo, con le figure che perdono definizione e particolari,Roberto La Forgia e il signore dei colori in un viaggio nell'infanzia - Untitled-1-277x300 per suggerire una possibile immedesimazione del lettore sul livello interpretativo universale, nostalgico, del ricordo.
È con malcelato affetto e nostalgia che si raccontano infatti quei momenti, con lo sguardo esterno dato da inquadrature ampie, assai più cinematografiche che fumettistiche, perché corali e meno concentrate sul singolo personaggio. Le sequenze narrative non appaiono segnate da una cadenza rigorosamente imposta dall’autore; alcune parole e gesti fluttuano senza un ritmo rigido della tavola ma liberi di essere (ri)vissuti dal lettore stesso, al ritmo della sua suggestione e dei suoi ricordi che si possono fondere con le vicende dei tre bambini.

La Forgia mostra una matura metabolizzazione di diverse esperienze e influenze tratte dal passato del fumetto, difficile non riconoscere l’influenza di classici italiani come Il Signor Bonaventura. Le sue figure rotonde, frutto di una modernizzazione e dello studio dei maestri delle strisce degli anni d’oro americani e degli illustratori degli anni sessanta (Jim Flora, Gene Deitch), lo pongono a fianco di un eroe dell’underground odierno come Ivan Brunetti; mentre il segno denso, essenziale e rotondo tradisce influenze anche dal mondo del fumetto francese, tra Trondheim e il Barberian più caricaturale.
Roberto La Forgia e il signore dei colori in un viaggio nell'infanzia - ilsignoredeicolori-1024x304-300x89
Siamo in un piccolo paese (tutta l’Italia del resto lo è), le voci corrono, ma forse succederebbe lo stesso ovunque. Uno dei tre bambini si è avvicinato a un adulto, ha fatto amicizia col libraio di un negozio di fumetti e libri usati, che diventa il riferimento per un bambino lasciato da solo dal disinteresse di una famiglia distante. Conosce così una di quelle figure che segnano spesso la crescita come esempio e modello; un uomo che viene presto guardato con malevolenza per questa sua vicinanza al piccolo protagonista. Non ne sappiamo molto, nemmeno gli abitanti del paese tutto sommato ne sanno moRoberto La Forgia e il signore dei colori in un viaggio nell'infanzia - 0-300x225lto, ma le conclusioni giungono purtroppo affrettate.
E quello che pareva solo il racconto di formazione infantile si trasforma nella storia di un caso di emarginazione e ingiustizia, segnato da toni e risoluzioni nette che fanno pensare a un opera come Brokeback Mountain, che pochi anni fa ha raccontato l’emarginazione e la violenza come mai prima. Qui non si tratta, come nel film, di omosessualità, ma sotto i riflettori in entrambi i casi c’è il qualunquismo e la violenza gratuita e l’emarginazione in senso più generale.

Mentre il librario nelle ultime pagine esce di scena silenziosamente, Roberto non ha bisogno di dirci esplicitamente se lui sia innocente; sappiamo già che in un certo senso può essere un eroe nella storia, e non sappiamo chi sia la vera vittima, perché il compito di queste pagine non è giudicare.

Abbiamo parlato di:
Il signore dei colori
Roberto La Forgia
, 2012
157 pagine, brossurato, colore – 17,00€
ISBN: 978-8876182150

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.