Home > BreVisioni > Batman #1 (AA.VV.)

Batman #1 (AA.VV.)

Batman #1 (AA.VV.) - batman_11Con maggio la Lion porta il reboot DC in Italia, e con esso il rilancio di Batman, il supereroe che probabilmente ha subito meno scossoni da questo evento a livello di continuity. Le vicende presenti in questo numero 1 riprendono da quanto visto nella precedente gestione dell’Uomo Pipistrello, semplicemente cominciando un capitolo nuovo per il personaggio. 
Batman #1, Detective Comics #1 e Nightwing #1 sono gli albi americani contenuti in questo numero, in cui vediamo Bruce Wayne tornare a vestire i panni dell’unico Batman di Gotham City, alle prese nella prima storia con un assassino che imperversa per la città minacciando proprio Wayne, che ha grande progetti per Gotham. Magistrale la sceneggiatura di Scott Snyder, che qui sfoggia lo stile hard-boiled già mostrato in precedenza, superandosi; adeguati all’atmosfera i disegni di Greg Capullo.
La seconda avventura vede autore completo di una storia che mette in contrapposizione Batman con il Joker, come nel più classico dei plot: ottimi i disegni e i semi gettati promettono bene.
Infine possiamo goderci Dick Grayson nuovamente nei panni di Nightwing in una storia in cui il suo passato e il suo presente si intrecciano in maniera ancora misteriosa: non mi aspettavo molto da una serie su un comprimario, e sono invece rimasto piacevolmente sorpreso.
L’albo si completa con una buona doppia introduzione e una pagina che sarà destinata alla posta.
Giudizio positivo, quindi, tanto per la qualità delle storie quanto per l’edizione Lion.

Abbiamo parlato di:
Batman #1
Scott Snyder, Greg Capullo, Tony Daniel, Kyle Higgins, Eddy Barrows
Traduzione di Stefano Visinoni
RW-Lion Comics, maggio 2012 
72 pagine, spillato, colore – 2,95€
ISBN: 9771887472334

 

Batman #1 (AA.VV.) - batman1

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.