Home > Notizie > Nuove Uscite > Astrum Noctis: una “graphic fiction” inaugura la collana Lepredizioni a Fumetti

Astrum Noctis: una “graphic fiction” inaugura la collana Lepredizioni a Fumetti

Comunicato Stampa

Astrum Noctis: l’esordio di Lepredizioni a Fumetti tra thriller, mistero e paranormale

Dal 20 maggio arriva in libreria Astrum Noctis, la miniserie che inaugura la collana Lepredizioni a Fumetti, nuova “creatura” della casa editrice romana La Astrum Noctis: una "graphic fiction" inaugura la collana Lepredizioni a Fumetti - Copertina-Astrum-NoctisLepre Edizioni, interamente dedicata al fumetto e alla graphic novel. Anche in “versione illustrata”, la casa editrice romana si distingue per l’originalità delle scelte e per la raffinatezza della veste grafica, con l’intenzione di correre sempre un passo avanti, fuori dal mainstream e dai territori esplorati, con una netta predilezione per il mistero, il paranormale e i grandi quesiti esistenziali.

L’eredità del fulmine e Il segreto della badessa, i primi due capitoli di Astrum Noctis – graphic novel a episodi, o se si preferisce, graphic fiction – sono accorpati in un unico volume dal titolo L’abbazia dei misteri, per dar modo ai lettori di prendere confidenza con una storia complessa quanto avvincente.

La sceneggiatura di Astrum Noctis è firmata dalla giovane scrittrice italo-inglese Eva Fairy. Il fumetto è in bianco e nero, con tratto ricco di fascinazione noir; Lepredizioni a Fumetti ha scelto di affidare i primi due capitoli a due diverse disegnatrici, Sarah Burrini per L’eredità del fulmine e Ambra Colombani per Il segreto della badessa. C’è dunque un trio tutto al femminile dietro a questa graphic novel visionaria e densa di colpi di scena che inaugura la nuova collana a fumetti della Lepre Edizioni.

 www.lalepreedizioni.com

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.