Home > BreVisioni > Martin Mystère #320 – Anni Trenta (Castelli, Alessandrini)

Martin Mystère #320 – Anni Trenta (Castelli, Alessandrini)

Martin Mystère #320 – Anni Trenta (Castelli, Alessandrini) - MM-320-coverGiocando sui trenta anni di vita editoriale di Martin Mystère, i creatori del personaggio e spostano l’intero universo narrativo della serie negli anni del proibizionismo. Anni Trenta è una storia in cui vengono sfruttate esaurientemente e con un ritmo piuttosto sostenuto molte reminiscenze offerte da cinema, fumetto e letteratura e facenti capo ai primi decenni del XX secolo. Il contesto in cui si muove Mystère è quindi quello dei gangster in gessato, degli investigatori hard boiled, delle esplorazioni geografiche esotiche, delle prime inquietudini sull’energia atomica e delle pin-up. E proprio a quest’ultima identità sembra fatalmente – e idealmente – restituita Angie, il personaggio caratteristico degli speciali estivi che qui, con la sua procace e ingenua nudità, fa quasi da leitmotiv ironico dell’albo.
Il vero valore aggiunto di questo numero 320 è però la pubblicazione de Gli uomini in nero, prima uscita della serie, nella forma primitiva, originariamente sceneggiata da Castelli per la testata Doc Robinson, che sarebbe poi divenuta Martin Mystère. La storia, che presenta sensibili differenze rispetto alla versione pubblicata nel 1982, è introdotta da due colonne in cui Castelli spiega la genesi autoriale ed editoriale del personaggio e del primo numero.
Anni Trenta
è nel complesso un albo comprensibilmente autoreferenziale, ma fortunatamente lontano da eccessi celebrativi.

Abbiamo parlato di:
Martin Mystère #320 – Anni Trenta
Alfredo Castelli, Giancarlo Alessandrini
, Aprile-Maggio 2012
228 pagine, brossurato, bicromia, € 4,70
ISBN – 977112157900320320

 

Martin Mystère #320 – Anni Trenta (Castelli, Alessandrini) - MM-320-lunga

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.