Home > Articoli > Recensioni > Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips

Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips

Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - image_galleryCriminal, pur essendo pubblicato in originale dalla Marvel, tratta argomenti completamente diversi rispetto ai supereroi della Casa delle idee; appartiene infatti all’etichetta Icon, creata appositamente per ospitare le opere più personali degli autori di punta della casa editrice americana.
La natura seriale di Criminal è in realtà poco più che apparente, essendo incentrata su miniserie autoconclusive come labilissimi legami l’una con le altre (apparizioni di personaggi secondari o di luoghi), ma queste condividono il mood e il genere, come dice il nome stesso, legato al noir, alle crime stories.

Protagonista di questa mini, originariamente in quattro albi racchiusi in un volume da , è Riley Richards, sposato alla bella e ricchissima Felix. La coppia è ormai logora, ma Richards non può permettersi di perdere i soldi e il posto di privilegio nella ditta del padre di lei, non con i suoi debiti di gioco. Un viaggio al suo paesotto d’origine è l’occasione per ripercorrere i suoi errori e ideare lo spietato piano per porvi definitivamente rimedio.

Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - capture

Il ritratto del protagonista che emerge inizialmente porta a patteggiare per lui, Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - criminal-last-of-the-innocent-preview-phillips-brubakerche appare più che altro vittima dei suoi vizi, tradito dalla moglie, odiato dal suocero per le sue origini povere, pieno di rimpianti.
Il ribaltamento di prospettiva che vede rivelare il suo lato freddo, calcolatore e disposto a tutto, anche a discapito dei suoi più cari amici, sorprende il lettore e fa emergere la dualità possibile dell’animo umano.
In questo senso il finale, ben lontano dal vecchio adagio della narrativa d’evasione in cui alla fine il male viene ripagato con altro male, è il colpo allo stomaco finale di una storia che lascia spiazzati e turbati.

in questo genere di storie ci sguazza a meraviglia; in Criminal, e non solo in quest’ultimo ciclo di racconti, cesella sceneggiature perfette nella costruzione, spesso tutt’altro che banale, e infuse di professionalità e stile; delinea personaggi sfaccettati e tridimensionali, ben caratterizzati, che si muovono nella malavita, compiono atti esecrabili e tremendi, delitti sanguinari, ma al contempo sono dotati di personalità talmente convincenti da mantenere una sorta di empatia col lettore.

Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - Criminal_Last_of_the_Innocent_Vol_1_2

Non posso dire con certezza se Brubaker utilizzi sceneggiature in stile “Stan Lee”, ovvero delegando al disegnatore molta parte della sceneggiatura, Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - 6581637061_17ddccd1f9_zo più dettagliate, ma è facile immaginare che il sodalizio con sia molto solido e comprenda un interscambio che va oltre la semplice esecuzione pratica delle indicazioni dello scrittore.
Il ritmo, l’atmosfera, la resa grafica dell’ambiguità morale dei protagonisti, l’ottima leggibilità delle scene, l’espressività donate al racconto dal tratto realistico e sporco di Phillips sono un elemento fondamentale per la riuscita del tutto. L’autore ha raggiunto una perfetta sintesi del suo tratto e le scelte delle ombre e delle inquadrature, l’attenzione ai dettagli, sono lezioni di regia fumettistica da seguire attentamente; anch’egli, come Brubaker, sembra indossare il genere come un abito su misura, con una sicurezza e passione che accentuano la sua abilità, molto più che nei lavori strettamente supereroistici.
Da sottolineare in questo volume le vignette disegnate in stile più leggero, che richiamano fumetti popolari americani per ragazzi come quelli editi dalla Archie Comics, utilizzati per evidenziare i ricordi del passato che tormentano il protagonista.

Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - Criminal-1-p23L’appuntamento con Criminal si conferma come uno di quelli difficilmente perdibili per chi ama il buon fumetto e in particolare per chi cerca storie noir di buona fattura.
Da regalare ai fan di romanzi, film o serie TV di genere, per mostrargli che anche tra le vignette può trovare pane per i suoi denti.

Abbiamo parlato di:
Criminal vol. 6 – L’ultimo degli innocenti
Ed Brubaker, Sean Phillips
Traduzione di Giuliano Cremaschi
Panini Comics, 2012
120 pagine, brossurato, colori – 12,00€
ISBN: 9788865895368

 

Criminal: diffidate degli innocenti raccontati da Brubaker e Phillips - InnocentDarkBeach

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.