Home > BreVisioni > Julia #162 – La guerra di Peter (Berardi, Calza, Piccioni)

Julia #162 – La guerra di Peter (Berardi, Calza, Piccioni)

Julia #162 - La guerra di Peter (Berardi, Calza, Piccioni) - julia0162Peter XX è un militare di stanza in Afghanistan rimpatriato dopo essere rimasto ferito dai suoi stessi commilitoni (quello che in gergo viene definito “fuoco amico”) . Tornato a casa scopre che il fratello Arnie, ex tossicodipendente dalle frequentazioni losche, è scomparso, e decide di rintracciarlo, finendo per mettere di nuovo a rischio la propria vita. (qui coadiuvato alla sceneggiatura da ) con Julia ha abituato i lettori ad una narrazione lineare, con episodi che, ancorati ad un registro narrativo classico, regalano spesso spunti interessanti per il lettore.
Fa eccezione questo albo, nel quale compare l’intero (o quasi) cast della serie, ma manca quell’introspezione che ne è caratteristica: Julia ed il tenente Webb rimangono sullo sfondo della vicenda senza partecipare realmente all’intreccio. Ed anche il lettore finisce per subire passivamente una storia che procede per blocchi sconnessi. Anche la sequenza finale non riesce ad emozionare in modo particolare, vista la mancata costruzione di un climax narrativo precedente.
Nelle ultime due pagine dell’albo un dialogo improbabile quanto tardivo offre una ricostruzione della vicenda ad uso e consumo del lettore, utile a spiegare i passaggi meno chiari della storia e in maniera insolitamente didascalica viene proposta la morale dell’episodio.
Un albo sottotono per una serie che comunque si caratterizza per una qualità media degli episodi decisamente alta, da ormai quasi 14 anni. Ai disegni Valerio Piccioni che offre una buona prova, sia nelle sequenze d’azione che nei numerosi dialoghi,nonostante le ultime pagine sembrino mostrare un po’ di approssimazione rispetto a quelle iniziali

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.