Home > BreVisioni > Spider-Man # 577 (AA.VV.)

Spider-Man # 577 (AA.VV.)

Spider-Man # 577 (AA.VV.) - spider-man-577Dopo fin troppi prologhi, parte la saga “Spider-Island” in cui lo scrittore ci mostra una Manhattan in preda a un’epidemia di poteri ragneschi. L’episodio qui presentato gioca sugli equivoci e i paradossi messi in luce da questa situazione, in una storia scorrevole e ben ritmata che alterna lo humour alla costruzione di misteri e sottotrame: la risoluzione di questi ultimi rappresenta uno dei motivi d’interesse per proseguire la lettura della saga. Mancano forse un minimo di momenti riflessivi per metabolizzare meglio i vari scenari. Il disegnatore messicano Humberto Ramos dal canto suo estremizza il lato spigoloso e caricaturale del suo stile non senza divertirsi ad inserire varie citazioni a vecchi costumi di Spidey ma anche a storici disegnatori come Steve Ditko.
Segue “Quel che ho fatto per amore”, sorta di preludio a Spider-Island in cui Van Lente ricuce pezzi di continuity descrivendo i destini dello Sciacallo e di vari cloni in pagine di cui forse avremmo potuto fare a meno.
Decisamente più riuscito è invece il breve ritorno di Busiek/Olliffe, il team creativo dell’indimenticata serie “Untold Tales of Spider-Man”; si tratta di un divertissement retro in cui Busiek inserisce all’interno dell’intreccio un personaggio di nome Stan Lee insieme all’intera redazione Marvel anni ’60, mischiando in maniera astuta finzione fumettistica e realtà editoriale.

Abbiamo parlato di:
Spider-Man #577
Dan Slott, Humberto Ramos, , Minck Oosterveer, Kurt Busiek, , Joe Caramagna, Todd Nauck
Traduzione di Pier Paolo Ronchetti
, Marzo 2012
80 pagine, spillato, colori – 3,30€
ISBN : 977112422690420577

 

Spider-Man # 577 (AA.VV.) - 2181392-jameson_finest_hour_amazing_spider_man_667-600x357

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.