Home > BreVisioni > Hellblazer #6 – Dolori fantasma (AAVV)

Hellblazer #6 – Dolori fantasma (AAVV)

Hellblazer #6 - Dolori fantasma (AAVV) - hellblazer_di_peter_milligan_6John è ora un uomo sposato, la signora Constantine si chiama Epihany ed è una giovane alchimista, nonchè figlia di un boss della malavita londinese. Di ritorno dalla luna di miele i novelli sposi si trovano ad affrontare un problema comune a molte coppie, quello dell’abitazione: un’ingiunzione di sfratto incombe sull’appartamento (fatiscente) di John. Nel frattempo Constantine deve anche cercare di procurarsi un pollice nuovo ed affrontare una creatura demoniaca evocata, per ucciderlo, da sua nipote Gemma.
Continua la run di Peter Milligan (tutt’ora in corso anche negli USA) sulla testata storica della Vertigo.
Dopo un inizio un po’ incerto lo scrittore inglese sembra essere entrato in sintonia con il personaggio, cominciando a delinearne la sua versione. Senza ricorrere ad un massiccio stravolgimento del cast o all’introduzione di nuovi scenari (se si esclude il matrimonio) Milligan riesce a dare nuova linfa al character senza tradirne le peculiarità. Mentre il buon lavoro degli autori precedenti (Denise Mina, ) era consistito in cicli di storie dal carattere pressochè autoconclusivo, Milligan invece decide di dare maggior dinamismo alla serie, che di fatto nell’arco dei volumi vive una continua evoluzione.
Se da un lato questa scelta stilistica toglie un po’ di letterarietà al titolo e lo assimila nei toni alle produzioni mainstream, dall’altro Milligan cerca, riuscendoci, di recuperare il lato ironico del personaggio, spesso ritratto in maniera molto ombrosa, e la tradizionale ambientazione cittadina. Ai disegni l’ottimo (che firma anche le copertine), l’efficace (qui coadiuvato da Stefano Landini) e Gael Bertrand.

Abbiamo parlato di:
Hellblazer: Dolori fantasma
Peter Milligan, Simon Bisley, Giuseppe Camuncoli, Stefano Landini, Gael
Traduzione di Michele Amadesi
2012
128 pp. colori, brossura, – € 11,95 ISBN 9788866910428

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.