Recensioni

Devil & Hulk #94

immagine1-6071

Devil & Hulk #94 - immagine1-607Tornato ad un’intestazione che rende giustizia ad entrambi i personaggi, e ad una copertina che mette comprensibilmente in risalto l’eroe del momento, quell’Hulk uscito al cinema in questo periodo per la regia di , il mensile di Devil & Hulk presenta due delle migliori serie prodotte dalla Marvel. Entrambe sono dimostrazioni di come l’archetipo moderno del supereroe (con tutti i suoi superproblemi) sia utilizzabile in maniera alternativa, possa esprimersi anche attraverso commistioni con altri generi, e come non serva avere azioni incalzanti e colori sgargianti per raccontare una bella storia del genere.

Cosi’, il Gigante Verde, scritto da Bruce Jones e disegnato nei due episodi dal convincente Lee Weeks, disegnatore ospite dallo stile realistico, e più adatto ad indugiare sulle persone che sull’azione, è co-protagonista di una storia noir classica, narrata con i giusti tempi, meditata e tesa. Bruce Banner, dicevamo, ne è co-protagonista, assieme ad un uomo ed una donna che, per motivi diversi, sono sull’orlo del fallimento. Tre persone disperate ed in fuga, sia essa fisica o mentale, che si ritrovano per uno strano scherzo del destino a condividere la stessa esperienza. Ma uno dei tre non è una persona qualsiasi, è Hulk, e c’e’ qualcuno disposto a non farsi tanti scrupoli pur di dargli la caccia.

Devil & Hulk #94 - immagine2-607Al timone di Devil troviamo sempre , uno dei migliori scrittori di comics in circolazione, e , un artista dallo stile pittorico e graffiante, degno di un fumetto d’autore. La vita di Matt Murdock si è fatta complicata, qualcuno ha fatto il suo nome ai giornali, rivelando la sua identità segreta. Il suo socio Foggy vorrebbe vedergli abbandonare il costume, quel costume che per lui è una seconda pelle. Nemmeno l’incontro con il suo grande amore, Elektra, oramai ben lontana dalla donna che amo’, serve a rendergli la tranquillità perduta. E l’imminente “processo del secolo” tra lui ed il giornale che lo ha smascherato non promette nessun miglioramento.

Ultima nota di merito, a due storie che sono sicuramente due manifesti di come il fumetto “commerciale” possa essere anche di grande qualita’, possiamo ammirare le copertine originali delle tre storie, ognuna a suo modo unica e bella. Alle copertine di Hulk troviamo il folle Kaare Andrews, visionario creatore di copertine dal gusto pop e bizzarro, mentre l’arte di Maleev confeziona una delle migliori copertine degli ultimi tempi, capace di evidenziare tutta la disperazione del “cornetto”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio