Home > BreVisioni > The Sword vol 1: Fuoco (The Luna Brothers)

The Sword vol 1: Fuoco (The Luna Brothers)

The Sword vol 1: Fuoco (The Luna Brothers) - TheSword_Tp01I fratelli Luna si sono guadagnati un certo consenso come autori completi con Ultra e Girls per la Image e con i disegni della miniserie sulla Vedova Nera per la Marvel. La storia che propongono in questa occasione narra della giovane Dara Brighton, che vede la sua vita radicalmente sconvolta dalla scoperta che suo padre è il custode di una misteriosa spada, che dota chi la impugna di poteri soprannaturali. I Luna Brothers (Joshua e Jonathan) si confermano anche qui abili narratori. Il loro piacevole tratto è piuttosto peculiare e riconoscibile, con una sapiente miscellanea di influenze nipponiche e statunitensi; tuttavia, a volte è guastato da stilizzazioni che risultano eccessive e povere di volume, scarsamente mimetizzate dal pur sapiente uso digitale del colore. La sceneggiatura è abbastanza efficace e, pur non avendo nulla di nuovo (restando nel pop, una spada magica che dà poteri a chi la porta fa sovvenire la lama stregata di Witchblade), è scorrevole e avvincente. Convincenti i dialoghi tra i personaggi, attraverso cui si svela pian piano sia il retaggio della protagonista che i progetti dei suoi avversari. Con una similitudine si può dire che quest’opera sta ai fumetti come i film di Michael Bay stanno al cinema, un po’ poveri di contenuti ma ricchissimi di azione e spettacolarità, con personaggi stereotipati ma non del tutto privi di spessore. Insomma, una lettura leggera ma assai divertente. Pregevoli la fattura del volume e la cura editoriale della Magic Press.

Abbiamo parlato di:
The Sword vol. 1– Fuoco
The Luna Brothers
traduzione di Susanna Raule
Magic Press, 2011
160 pagine, brossurato, colori – 14,00 €
ISBN: 9788877594983

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.