Home > Articoli > Recensioni > La straordinaria dichiarazione d’amore di Hugo Cabret

La straordinaria dichiarazione d’amore di Hugo Cabret

La straordinaria dichiarazione d'amore di Hugo Cabret - la_straordinaria_invenzioneLettori con cuore giovane e cinefili, recuperatelo. E non solo perché è nelle sale il film di Martin Scorsese, ma perché, oltre ad essere un sorprendente romanzo di formazione, è una grande dichiarazione d’amore per la settima arte.
Nel buio di una sala cinematografica aperta da poco in un quartiere vicino, Hugo viaggiava  indietro nel tempo e vedeva dinosauri e pirati e cowboy, e vedeva il futuro, con robot e città tanto gigantesche da oscurare il cielo. (…) Nel buio del cinema  vide per la prima volta giungle, mari e deserti. Avrebbe voluto andarli a vedere anche nella vita reale.

E’ un libro sullo sguardo, sullo stupore infantile davanti al potere delle immagini.  Ed è forse il primo libro in cui sono le immagini a essere “illustrate” dalle parole.
Non è, però, un libro per l’infanzia. Non è nemmeno un libro per soli adulti. Non è un semplice romanzo. Non è un graphic novel. E nemmeno un libro di illustrazioni. E’, in verità, un po’ di tutto questo. E’ un libro ibrido, che attraversa generi e tradizioni, con riferimenti che vanno dalla letteratura ( Dickens e Hoffmann), al disegno, al cinema (il grande omaggio a Méliès).

La straordinaria dichiarazione d'amore di Hugo Cabret - Hugo-Cabret-2“La straordinaria invenzione di Hugo Cabret” è una gioia prima per gli occhi e poi per la mente. Uno dei più affermati illustratori americani per l’infanzia si cimenta in un libro tutto suo, bello da guardare e da leggere. Di grande formato, fogli spessi e carta di buona fattura, ottima rilegatura, il libro è illustrato da stupendi disegni al carboncino accompagnati da un testo fiabesco, ammaliante e, per la prima volta, ancillare al disegno. Centinaia di pagine in cui disegno e parole si alternano in perfetto equilibrio e in cui le illustrazioni sono segnate dall’occhio della cinepresa: primi piani, campi lunghi e medi, sequenze, dissolvenze e panoramiche.

Gustatevi, allora, le prime stupende venti pagine iniziali. Le immagini parlano da sole. Vi traspare tutta la passione per il cinema da parte di Selznick (andate poi a guardarvi i credits alla fine del libro). E la sua bravura. Grazie ad una fantastica cinepresa di carta veniamo così catapultati dal cielo, con la sua luna splendente, verso la città dalle mille luci, fin dentro l’affollata stazione. Qui incrociamo gli occhi di un ragazzino che si muove circospetto tra la gente e i mille corridoi e cunicoli dell’enorme edificio. Quale mistero lo accompagna?
La straordinaria dichiarazione d'amore di Hugo Cabret - melies_shopSiamo nel 1931. Hugo Cabret, poco più che un bambino, sopravvive nella grande stazione ferroviaria di una Parigi trasfigurata da un disegno fatto solo di bianchi e neri e da spazi chiusi. Ha una grande passione – ereditata dallo zio e dal padre – per gli ingranaggi.  Ora che il padre è morto egli vive di espedienti, ruba per mangiare, nascosto nelle pieghe della grande stazione, dove lo zio, improvvisamente scomparso, era addetto alla manutenzione degli orologi.
Hugo ha un’ossessione, quella di riparare un misterioso e antico automa che proviene dal museo dove lavorava suo padre. Gli servono gli ingranaggi, e per procurarseli non gli resta che rubarli al giocattolaio (e che giocattolaio!) della stazione. Viene, però, sorpreso dall’uomo. Riesce a fuggire, ma perde il prezioso taccuino con i disegni sull’automa che il padre gli aveva lasciato.

È l’inizio di una meravigliosa avventura in mezzo a tante sorprese. Con “ l’uomo nero” che incombe ( l’ispettore ferroviario), Hugo si lancia con l’aiuto di Isabelle, una vispa ragazzina, e di altri inaspettati amici, alla scoperta della vita tra pericoli reali, meccanismi di ogni sorta e stupefacenti illusionismi (Ah, il cinema!).

Un libro che non si dimentica, da guardare e riguardare.

Abbiamo parlato di:
La straordinaria invenzione di Hugo Cabret
Brian Selznick
Traduzione di Fabio Baracchini
Mondadori, 2011
544 pagine, brossurato, bianco e nero – 18,00€
ISBN: 8804614153

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.