Home > Articoli > Recensioni > Paradise Too

Paradise Too

Paradise Too - Paradise non avrà la capacità del suo quasi omonimo Alan nel creare pietre miliari nella storia del fumetto, ma certo può vantare uno stile personalissimo e soprattutto abile nel rapire il lettore e incantarlo con storie leggere e profonde, divertenti e drammatiche.
Dopo aver ripreso la pubblicazione di Strangers in Paradise, la sua opera più famosa, la Lexy ha iniziato a pubblicare anche questo Paradise Too, una serie nata per raccogliere i primi lavori dell’autore.
Questo volume infatti raccoglie strisce, molte pubblicate in questa occasione per la prima volta, alcune addirittura senza nemmeno la china, veri e propri schizzi e bozze di fumetti mai pubblicati. Oltre a poter assaporare così le influenze nell’opera di Terry Moore del Pogo di Walt Kelly, o di Doonesbury di Gary B. Trudeau, si potrà conoscere l’evoluzione attraverso cui sono passati i personaggi di Katchoo, Francine e David, che diventeranno i protagonisti di Strangers in Paradise.
Gustosissime anche le vignette, sempre di stampo umoristico, o le dolcemente ironiche scenette di Wonderland, con protagonista un orso polare in cerca dell’amore. A rendere più intrigante il tutto sono i commenti stessi dell’autore, attraverso i quali si può conoscere meglio il pensiero e le fonti di ispirazione di uno scrittore da tenere d’occhio, sempre.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.