Recensioni

Animal Man #2

immagine1-5611

Animal Man #2 - immagine1-561Prosegue la pubblicazione da parte della del primo, vero successo di uno dei più accreditati autori del panorama americano, (Invisibles, Flex Mentallo, New X-Men, JLA). Dell’autore, e del primo volume di Animal Man, abbiamo già parlato nell’articolo Morrison, l’ex-invisibile, a cui vi rimandiamo se foste digiuni dell’argomento.
Animal Man è Buddy Baker, uno dei tanti supereroi minori dell’universo DC, il cui potere consiste nel poter assorbire ed usare le caratteristiche degli animali attorno a se’. Le storie di Morrison non si concentrano sul suo essere un eroe, quanto sulle sue peculiarita’, riuscendo così a far risaltare la serie per novità e freschezza (contando l’età di queste storie, chiaramente): Buddy ha una famiglia, moglie e due bambini, con tutti i problemi e i pericoli che questo comporta, diventa ecologista e attivista per i diritti animali, con tutti i contrasti e le contraddizioni che questo gli portera’, ma soprattutto è un fumetto, ed in questo secondo volume tutto cio’ inizia ad influire direttamente nelle sue stesse avventure. Nella prima saga contenuta nell’albo, ad esempio, le sue origini vengono riscritte dai famigerati creatori, e Morrison gioca con i concetti di origine dei supereroi e con la ingenuità di certe trovate. Ancora più palesemente, nell’ultima pagina del volume i confini tra il fumetto e la realtà si assottigliano come il segno della matita sulla carta, in un preludio all’ultimo ciclo di storie scritto dall’autore scozzese in cui Buddy Baker incontrerà niente meno che il suo stesso scrittore! I tocchi di classe sono una costante lungo tutta la lettura, dall’incontro di Buddy con una sensuale supereroina, alla tragedia scatenata dal suo intervento contro un laboratorio di vivisezione, con la successiva decisione di abbandonare il costume.
Animal Man è stato un felice esperimento, un modo per introdurre in un fumetto popolare supereroistico tematiche e ritmi “maturi”, e la pubblicazione da parte della Magic è importante per conoscere un tassello sia dell’opera di Morrison, sia del fenomeno , a cui Animal Man a tutti gli effetti appartiene. Gli scarsi risultati di vendita non rendono giustizia ad un fumetto che ha come unico punto debole dei disegni ben miseri, riscattati solamente dalle splendide copertine di .

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio