Home > Disegni > A fumetti > Eleonora Antonioni, al bar con “Girls don’t cry” di Nine Antico

Eleonora Antonioni, al bar con “Girls don’t cry” di Nine Antico

A fumetti: uno spazio riservato ad autori affermati ed emergenti per esprimere il proprio punto di vista sui fumetti attraverso il linguaggio stesso delle “nuvolette”: un esperimento insieme artistico e critico, senza vincoli e senza condizionamenti.

Altro appuntamento con la nostra rubrica di recensioni A FUMETTI, e ancora un fumetto e un autore ancora non arrivato in Italia: Nine Antico, classe 1981, illustratrice e fumettista francese, fondatrice della fanzine Rock this Way e ha collaborato con molte riviste e case editrici. Il suo è uno stile che guarda al passato, retrò e sensuale. Girls Don’t Cry è uscite nel 2010 per Glenat.
A farci scoprire questa autrice è , vincitrice nel 2006 del concorso 8 Tavole per Mondo Naif di , che potete leggere grazie all’etichetta di autoproduzioni Teiera di Cristina Spanò e e sul suo Tumblr.

Eleonora Antonioni, al bar con "Girls don't cry" di Nine Antico - GDC-striscia

Abbiamo parlato di:
Girls don’t cry
Nine Antico

2 commenti

  1. “stiloso” è la recensione?

    • Ciao Pasquale,
      E’ chiaro che all’interno delle “recensioni A fumetti”, l’importanza sia maggiore nella parte “a fumetti” che nella parte “recensione”.
      Ovvero: noi abbiamo dato carta bianca agli autori per raccontare un fumetto. Non c’è un modo giusto o sbagliato. Lo si può fare in 1000 modi e con mille finalità, dall’iperdettagliato al colloquiale.

      Eleonora ha scelto un taglio diverso rispetto ad altri, divertente e divertito. Credo di capire che tu preferissi un altro appoggio, sono gusti e non c’è niente di male. Puoi rifarti con chi l’ha preceduta nella rubrica, se non l’hai già fatto.

      A presto e grazie del commento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.