BreVisioni

Superzelda. La vita disegnata di Zelda Fitzgerald (Lo Porto, Marotta)

0 - superzelda-1

Superzelda. La vita disegnata di Zelda Fitzgerald (Lo Porto, Marotta) - superzelda_altaCi sono due tipi di eroi: alcuni abitano le pagine colorate dei comics, sono super e così anche i loro poteri. Altri sono reali, hanno le nostre stesse potenzialità fisiche o intellettuali, ma sono autori di un’opera o un gesto che resteranno nella storia, ed è questo a fare di loro degli eroi.
Superzelda. La vita disegnata di Zelda Fitzgerald” di Tiziana Lo Porto e Daniele Marotta racconta invece la biografia di una donna che riuscì a fondere insieme queste due categorie, vivendo in bilico tra arte e vita, musa ispiratrice declinata fino alla follia. Ritornata nell’immaginario come un’eroina decadente della modernità, anche grazie al recente ritratto di Woody Allen in Midnight in Paris, Zelda visse insieme al marito Scott immersa nel clima dei “ruggenti anni ‘20”. La scelta degli autori di utilizzare come terzo colore un azzuro tenue contribuisce a restituire un’atmosfera da foto d’epoca a un’opera costruita come un mosaico di testimonianze di personaggi e giornali di allora, dando alle tavole la forza evocativa di veri  documenti fotografici. I ritratti delle città scorrono dietro alla biografia della prima flapper del ‘900 come le scenografie di un palcoscenico in costante movimento.
Nel loro graphic novel di debutto, Lo Porto e Marotta riescono a rendere il complicato intreccio di un rapporto morboso  attraverso l’intensità delle scene di vita, tra eros feste e litigi, ma anche grazie alla costruzione dei dialoghi, delle battute scomposte in cui le parole di marito e moglie si fondono in un’unica musica dissonante, voce fedele di quella che passerà alla storia come l’Età del Jazz. Zelda ha una bellezza ed un carattere sopra le righe, ma anche le debolezze di una donna sempre bambina, che mette il broncio quando qualcosa non le va e che, presagendo la propria tragica fine, sogna per la figlia non l’intelligenza del genio, ma “il coraggio e la gaiezza di una vera maschietta”.
La vita di Zelda si presta certo a essere romanzata, sta però all’abilità dei due autori la capacità di averla resa una supereroina, dando, attraverso il fumetto, un valore aggiunto alla sua biografia.

Abbiamo parlato di:
Superzelda. La vita disegnata di Zelda Fitzgerald
Tiziana Lo Porto, Daniele Marotta
Minimun Fax, 2011
170 pagine, brossurato, bicromia – 15,00€
ISBN: 978-88-7521-296-4

 

Superzelda. La vita disegnata di Zelda Fitzgerald (Lo Porto, Marotta) - superzelda-1

2 Commenti

2 Comments

  1. Giada Peterle

    Giada Peterle

    17 gennaio 2012 a 00:52

    Grazie Daniele, trovare un commento dell’autore supera di gran lunga le mie più rosee aspettative!Nel caso in cui doveste passare per Padova, in futuro, fatemi sapere, mi farebbe davvero piacere fare una chiacchierata-intervista con voi! In bocca al lupo per i prossimi appuntamenti…

  2. daniele marotta

    12 gennaio 2012 a 15:16

    Grazie Giada bel pezzo, Zelda ringrazia di cuore.

    Vorrei comunicare che stasera alle 19.30 presenteremo ‘Superzelda’ insieme a ‘Un fatto umano’ di Manfredi Giffone Fabrizio Longo e Alessandro Parodi a Roma, libreria Quattrodita a S. Lorenzo.
    Il 22 gennaio siamo a Bologna alla libreria Modo Info shop in via mascarella, presentano Vittorio Giardino e Paolo Nori.
    A Febbraio saremo a Catania, Palermo, Agrigento, Trapani, Cesena, Firenze, Siena e forse anche Arezzo.
    Buona lettura un abbraccio a tutti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio