Home > Notizie > Mostre e incontri > ReNoir e WOW Spazio Fumetto rendono omaggio a Giorgio Gaber

ReNoir e WOW Spazio Fumetto rendono omaggio a Giorgio Gaber

Comunicato stampa

ReNoir e WOW Spazio Fumetto rendono omaggio a Giorgio Gaber - Gaber_cover2ReNoir e WOW Spazio Fumetto, il Museo del Fumetto di Milano, celebrano l’eclettica figura di Giorgio Gaber con una mostra e uno spettacolo ispirati al volume a fumetti di ReNoir “G&G” di Barzi e Gerasi.

Proprio nel cuore di Milano, al Piccolo, il 12 gennaio 1971 Gaber debutta con lo spettacolo che riscriverà le regole della presenza scenica: Il Signor G apre le porte al cosiddetto “teatro canzone”.  A distanza di decenni l’impronta del Signor G rimane indelebile e non solo in ambito teatrale. Per ricordarlo, ReNoir e WOW Spazio Fumetto organizzano un doppio appuntamento in collaborazione con la Fondazione Franco Fossati e la Sergio Bonelli Editore e il patrocinio della Fondazione Gaber.

La mostra “G&G – Gaber a fumetti” presenta tavole tratte dall’omonimo libro pubblicato da ReNoir con testi di e i disegni di . La mostra si arricchisce anche di una raccolta di illustrazioni inedite che numerosi illustratori, tra cui Giampiero Casertano, Massimo Giacon, Alessandro Poli, Alberto Ponticelli, hanno realizzato appositamente per questa occasione. Oltre all’esposizione degli inediti ispirati alla figura di Gaber, la Sergio Bonelli Editore collabora alla mostra mettendo a disposizione una selezione di illustrazioni tratte dal numero 233 della serie Dylan Dog, “L’Ospite sgradito” di e , in cui l’indagatore dell’incubo è protagonista di una storia ispirata al monologo “Il grigio”, scritto da Gaber con Sandro Luporini e portato in scena e su disco nella stagione 1988/1989.

ReNoir e WOW Spazio Fumetto rendono omaggio a Giorgio Gaber - Gaber-Ponticelli2“G&G” è la prima opera a fumetti interamente dedicata a Giorgio Gaber e alla sua poetica, un viaggio nella sua mente e nel suo pensiero mediante i suoi dischi, i suoi spettacoli e i suoi personaggi. Attraverso il “bambino G” e le sue difficoltà a fare i conti con la bizzarra realtà, familiare e sociale, che lo circonda, il lettore è portato per mano attraverso il teatro canzone di Gaber, “quelle parole mai prevedibili: una canzone d’amore che diventa politica, un monologo politico che diventa comico, una pausa che fa riflettere e poi magari ridere oppure indignare” (dalla prefazione al volume, scritta da Claudio Bisio). Davide Barzi ha dato coerenza narrativa a una discografia ampia e articolata, mentre Sergio Gerasi, dopo un attento studio di Gaber, è riuscito a riportarne su carta la gestualità e l’espressività, rendendolo vivo e dinamico anche in un mezzo espressivo “fermo”. Il libro, già giunto alla seconda edizione, si è aggiudicato nel 2010 il premio Full Comics come miglior graphic novel dell’anno.

La mostra, a ingresso libero, rimarrà aperta dal 12 gennaio al 5 febbraio, dal martedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00 e sabato e domenica dalle 15.00 alle 20.00 (lunedì chiuso). Il catalogo delle opere esposte, a cura di ReNoir, è in vendita presso lo shop di WOW Spazio Fumetto. A disposizione del pubblico anche il volume “G&G” di Barzi e Gerasi, da cui sono tratte le illustrazioni, pubblicato da ReNoir.

Davide Barzi, (Milano, 1972) è scrittore, sceneggiatore, giornalista e storico del fumetto. È curatore editoriale e sceneggiatore della collana «Don Camillo a fumetti» (ReNoir Comics). Ha scritto «G&G», ed è di prossima pubblicazione il suo primo romanzo per ragazzi. Con edizioni BD ha pubblicato «Le Regine del Terrore» e «Il teatrino delle bambole morte». Per la testata «G Baby» ha realizzato storie per molti dei personaggi della Warner Bros.  Con il disegnatore Oskar ha creato il parodistico «No Name» (premio Pierlambicchi e speciale riconoscimento per la migliore storia umoristica), «Ernesto», protagonista di una striscia pubblicata a lungo sulla testata «Focus Giochi» e il volume «Les Sixties» per la casa editrice belga Joker Editions. Collabora con la Sergio Bonelli Editore. Il libro “Carta Canta – I fumetti nella musica, la musica nel fumetto”, realizzato con Stefano Gorla e Paolo Guiducci, ha vinto il premio Franco Fossati come miglior saggio nazionale sul fumetto.  Ha un blog all’indirizzo davidebarzi.blogspot.com

Sergio Gerasi (Milano, 1978), disegnatore, esordisce nel 2000 sulle pagine di «Lazarus Ledd» (Star Comics), di cui realizza numerosi episodi e alcune copertine. Realizza inoltre cover per la serie «Rourke» e per «Agenzia Incantesimi». Dal 2006 disegna anche per le testate «Jonathan Steele», «Nemrod», «Cornelio», «John Doe», «L’Insonne», «Trigger», «Valter Buio» e per Planeta DeAgostini «Harry Moon». All’inizio del 2011 inizia a collaborare con Sergio Bonelli Editore: attualmente è impegnato su «Dylan Dog». Su testi di Tito Faraci lavora alla trasposizione in fumetto di un racconto di Alan D. Altieri per Mondadori. Per il mercato statunitense produce «Connect» e «Horrorama», collaborando inoltre a volumi antologici curati dal regista Brian Yuzna.  Ha recentemente pubblicato il suo primo lavoro come autore unico «le Tragifavole» (ReNoir Comics) un libro a fumetti con dentro un disco. La musica è l’altro canale espressivo del disegnatore: è batterista e fondatore della rock band 200Bullets. Il suo sito è www.sergiogerasi.com

Spettacolo di teatro-canzone illustrato “G&G – Omaggio a Gaber”

L’omaggio al Signor G prosegue venerdì 27 e sabato 28 gennaio (ore 21.00) con lo spettacolo di teatro-canzone illustrato “G&G – Omaggio a ReNoir e WOW Spazio Fumetto rendono omaggio a Giorgio Gaber - Poli2Gaber”. Due serate a cura dei Formazione Minima e Sergio Gerasi dove viso, corpo e voce di Gaber vengono affrontati in una luce nuova, attraverso disegni realizzati nel corso di un concerto, con le immagini che commentano le parole e le melodie che suggeriscono nuove immagini. I brani messi in scena sono per gran parte quelli utilizzati anche nel libro di cui Gerasi è illustratore: si va da Giuoco di bambini: io mi chiamo G (1970) a Lo shampoo (1972), da Chiedo scusa se parlo di Maria (1973) alla postuma La parola io (2003), passando per La libertà e Un’idea (1972), fino a Io come persona. In parallelo, Sergio Gerasi disegna suggestioni che amplificano le emozioni delle parole e delle musiche di Gaber e Luporini.

I Formazione Minima, duo composto da Lorenzo Bartolini (cantattore) e Lorenzo Gasperoni (chitarrista), nascono nell’autunno 2003 con la denominazione Tributo a Giorgio Gaber, primo progetto artistico in Italia in omaggio al grande “cantattore”. Dal gennaio 2007, con la nuova denominazione, presentano anche uno spettacolo acustico di musica italiana d’autore dal titolo «Selezionata accuratamente». Nel corso del 2008 hanno allestito la lettura scenica musicata della “fiaba eversiva e senza ritegno di verosimiglianza” dal titolo “Melangolo” insieme all’autore, nonché poeta e attore, Roberto Mercadini. Nel 2009, in occasione del bicentenario della nascita di Charles Darwin, insieme al batterista-percussionista Tommaso Graziani e a Roberto Mercadini hanno portato in scena lo spettacolo di teatro-canzone «Darwiniana», dove i musicisti re-interpretano in chiave acustica «Darwin!» del Banco Del Mutuo Soccorso, concept album simbolo del rock progressivo italiano.

Il 2009 è anche l’anno in cui nasce «è imbarazzante», uno spettacolo inedito di teatro-canzone, a cui fanno seguito un primo CD-EP, «Formazione Minima», e, nel 2011, il primo album del duo, «Spettacolo primo».

mostra “G&G – Gaber a fumetti”
12 gennaio-5 febbraio 2012
Ingresso libero

Dal martedì al venerdì: dalle 15.00 alle 19.00
Sabato e domenica: dalle 15.00 alle 20.00

spettacolo “G&G – Omaggio a Gaber”
Venerdì 27 e sabato 28 gennaio 2012, ore 21.00
Ingresso: 10 euro

Si consiglia la prenotazione

WOW Spazio Fumetto
Viale Campania, 12 – 20133 Milano
Info: 02 49524744  – [email protected]www.museowow.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.