Recensioni

ES #1

ES #1 - ESCoverL’autrice dell’atipico shojo Mars, sembra confermare in questo primo numero una personalità che le permette di emergere dal genere shojo sia per i disegni, privi dei caratteristici sfondi “sognanti”, sia soprattutto per la solidità delle storie e dei tempi di narrazione.
“ES” sta per Eternal Sabbath, un gene creato in laboratorio per garantire l’immunità a qualsiasi attacco esterno, studiato per portare un comune mortale all’immortalita’. Con questo gene vengono creati due esseri umani, Shuro e Isak; Isak non è altro che il clone di Shuro creato appositamente per fare da cavia. Qualcosa deve essere andato storto perché troviamo Shuro libero all’inizio della storia, e veniamo a sapere che lo stesso è per Isak. I due sembrerebbero essere nati con il potere imprevisto di percepire le sensazioni ed i sentimenti degli altri e di influenzarli a proprio piacimento. Un potere terribile che Shuro sembra utilizzare solamente per avere una vita fittizia, ma quanto più reale e normale possibile.
Alcune persone pero’ sono insensibili a questo controllo, e la dottoressa Mine Kujo, studiosa dei processi mentali con i quali vengono percepite e catalogate le sensazioni umane è una di queste. Incrociando la strada di Shuro si trova di fronte a qualcosa di difficilmente spiegabile dalla sua scienza, ed al terrore di cosa potrebbe fare un individuo dotato di tali poteri.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio