Home > Notizie > Mostre e incontri > Una mostra e un libro per rendere omaggio a Guido Buzzelli

Una mostra e un libro per rendere omaggio a Guido Buzzelli

Comunicato stampa

. Frammenti dall’assurdoUna mostra e un libro per rendere omaggio a Guido Buzzelli - cover_buzzelli_3mini-211x300

Guido Buzzelli. Frammenti dall’assurdo” è il titolo della mostra dedicata a uno dei più grandi artisti del fumetto italiano, che si terrà al MUF, Museo del fumetto di Lucca. Buzzelli, famoso in Italia ma ancor più all’estero e in particolare in Francia, è stato anche un illustratore affermato che ha collaborato con importanti quotidiani e magazine: la Repubblia, l’Espresso, le Monde, Liberation.

La mostra, curata da Grazia De Stefani, vedova e a lungo collaboratrice dell’autore, rappresenta le varie anime dell’artista perché raccoglie per la prima volta insieme disegni, tavole, dipinti e originali mai visti prima, comprese le tavole di quella che è considerata la prima graphic novel italiana: La rivolta dei Racchi.

Il catalogo collegato alla mostra raccoglie queste opere, alcune in bianche e nero, altre a colori, ed è stato realizzato dalla NPE () in collaborazione con il MUF. Il libro contiene una prefazione di , giornalista e direttore artistico del Romics, e un testo dell’artista Alessandro Amaducci, che ha realizzato un video a partire dalle Buzzelliades, uno dei capolavori dell’autore. Il libro, così come la mostra, è l’occasione per riscoprire un grande artista, uno di quelli “che turbano, che lasciano sospesi, che non danno risposte e quindi neanche certezze… perché la realtà è un uccello che non ha memoria e l’unica maniera di capire il mondo passa attraverso la ricerca di se stessi, per scoprire le proprie contraddizioni e i propri malesseri”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.