Home > BreVisioni > Powers vol.10: Cosmico

Powers vol.10: Cosmico

Powers vol.10: Cosmico - image_galleryddtttt-197x300Ritorna la famosa serie di e , con un numero finalmente interessante dopo alcune uscite leggermente ripetitive e sottotono.
Questa volta i due Detective Walker e Pilgrim sono chiamati ad indagare su di uno strano incidente causato da un potere (i super-esseri nel mondo di Powers) che, dopo essere incidentalmente precipitato su di un ignaro passante, dividendolo letteralmente in due, è fuggito senza lasciare tracce. Peccato che la vittima non sia una persona qualunque, bensì un membro di un corpo di polizia intergalattica e dotato di 2 bracciali del potere.
Citando apertamente il personaggio di Lanterna Verde della DC Comics, Bendis costruisce una trama ricca di nuove sotto trame, di nuovi personaggi e di colpi di scena inaspettati che, a quanto sembra, influiranno pesantemente sulle vite private dei due poliziotti.
Al contrario, Oeming, sembra perdere smalto a ogni nuovo volume, che anche in questo caso appare disegnato in modo superficiale e svogliata per buona parte delle pagine. Se in alcuni primi piani si impegna a curare il dettaglio, la maggior parte delle vignette soffre un po’ la ormai solita scelta di sviluppare le tavole in modo orizzontale su entrambe le pagine venendo a creare una leggera confusione.
Molto belle le scene-intermezzo, scritte da un Bendis in gran forma, che vedono delle persone comuni salire su di un palco all’interno di un club privato, per dire senza peli sulla lingua quello che passa loro per la testa in quel momento.

Abbiamo parlato di:
Powers vol. 10 – Cosmico
Brian Michael Bendis, Michael Avon Oeming
Traduzione di
, 2011
168 pagine, brossurato, colore- 15,00€
ISBN: 9788865892367

Powers vol.10: Cosmico - powers-psicotico-nuova-linfa-da-bendis-e-oemi-L-biZcxomini

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.