Recensioni

Spider-Man: Il Regno

Spider-Man: Il Regno - copertina-ristampa-2015Non sapevo davvero come avvicinarmi alla lettura de “Il Regno“, edizione in volume della Panini di una miniserie di 4 numeri pubblicata a cavallo tra il 2006 e il 2007. Nei forum , sui siti, c’era attesa. Alcuni sottolineavano la troppa somiglianza del soggetto di Kaare Andrews con una delle storie che ha cambiato il mondo (dei fumetti), Batman: Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller. Io, da grande appassionato dell’opera milleriana, ho deciso di avvicinarmi a Il Regno senza pregiudizi o grandi aspettative, per non rimanerne deluso in seguito. Ero comunque più che convinto della bontà dell’opera, conoscendo già da prima i disegni di Andrews. Alla fine della lettura, la delusione è un sentimento che non ho provato. Certo la storia non è neanche lontanamente avvicinabile all’illustre precedente batmaniano, ma i testi e soprattutto i disegni di Andrews valgono il prezzo di copertina, per vari motivi. Il principale di questi è la caratterizzazione data al protagonista, a Peter Parker.

Spider-Man: Il Regno - reign4Il sentimento principale che Parker ha sempre provato nella sua vita è il senso di colpa. Peter si sente in colpa per la morte di Zio Ben, per mettere in pericolo Zia May e MJ, per non riuscire ad essere sempre l’uomo che vorrebbe. Ne Il Regno questo senso di colpa è quadruplicato dalla morte di MJ, dalla caduta della sua amata New York sotto un regime dittatoriale, dalla sua inettitudine e incompetenza a svolgere qualsiasi lavoro e quindi a vivere e a far vivere la moglie (che lui vede ancora) in condizioni abbienti, e dalla vecchiaia. La vecchiaia che gli porta in dote anche la rabbia. Peter non può fare a meno di sentirsi in colpa, ma è stanco di esserlo. E allora giù urlacci contro il fantasma di MJ che non gli risponde, quando lui gli parla, giù un pugno a Jameson (da quanto volevamo vedere questa scena?). E allora preferirebbe morire, come cerca di fare nella battaglia finale contro il Venom più cattivo mai visto, come quando cerca di abbandonarsi nelle spire di un ormai ridotto uno scheletro, che invece lo salva, quando lui si era cullato nella speranza di rivedere MJ.

Spider-Man: Il Regno - reign6-dettaglio

Ma la rabbia è anche un aiuto per fargli combattere la dittatura, il Regno del titolo. E allora, grazie anche al suo vecchio capo e “nemico”J.J.Jameson e ad una ragazzina testarda, che ricorda la Carrie-Robin creata da Miller per il suo DK, che si rivelerà la figlia mai conosciuta dal padre dell’Uomo-Sabbia, Peter batte Venom e torna a fare il suo vecchio lavoro, l’Uomo Ragno, per un finale inaspettato e stranamente confortante, Spider-Man: Il Regno - reign2-dettaglioviste le premesse precedentemente costruite da Andrews. Andrews, oltre ai soliti leitmotiv del rapinatore non fermato da Peter che uccise Zio Ben, inserisce un nuovo motivo di dolore che il comportamento di Peter ha provocato a sua Zia May: l’abbandono della casa dove abitavano insieme per andare a vivere con la consorte. Può sembrare una frase buttata lì così, ma nello scontro con il vecchio nemico Kraven, contro Peter si parano le sue più recondite paure. E la frase di Zia May inserisce un nuovo argomento di discussione, poco o per nulla analizzato fino ad oggi. In definitiva, un soggetto non originale, ma ben sviluppato, una lettura che potrebbe essere pesante ma che invece Andrews rende gradevole, ma anche sofferta, addirittura commossa e commovente in certi punti.

Al termine della lettura, non vedo quindi un plagio di DK in : Reign. Solo un tentativo di emulare una grandissima storia: a chi non piacerebbe guardare nel futuro del nostro personaggio preferito? Kaare Andrews ne ha avuto l’opportunità. E se Frank Miller è stato il migliore nel creare una storia da questa premessa, qual è la vergogna nel cercare di imitarlo?

Spider-Man: Il Regno - reign5-dettaglio1Al di là delle somiglianze, è interessante sottolineare un punto che differenzia sostanzialmente le due opere: la presenza dello Stato. In DK, Batman ritorna per salvare la sua amata/odiata Gotham, in mano ai delinquenti e con l’anarchia che regna sovrana, anche a causa di un potere politico/governatoriale debole e spaventato più dal pipistrellone che dalle vere minacce. In Reign, l’Uomo Ragno, torna per il motivo opposto: lo stato, dittatoriale e intransigente, è riuscito a fare quello che i supereroi non sono riusciti a fare, a far stramazzare al suolo la criminalità, a farla scomparire, a debellarla come una malattia. Ma, e in questo rivedo un’altra opera del geniale Miller, stavolta in coppia con un altro mito del fumetto, Dave “Watchmen” Gibbons, e cioè Give me liberty, per farlo, ha barattato la sicurezza con la libertà per creare un bozzolo protettivo attorno ai cittadini, ha dovuto uccidere la libertà. Uccidendo anche il libero arbitrio e sostituendosi a Dio stesso: ma non si deve dimenticare che gli Dei camminano davvero tra di noi. Almeno nei fumetti Marvel.

Spider-Man: Il Regno - reign3La parte grafica merita un discorso a parte, e se la storia è gradevole il tratto di Andrews non è sicuramente da meno. Anzi forse è superiore e nasconde simbolismi forti. Se in DK l’immagine dell’anziano Bruce Wayne è forte, statuaria, Peter Parker del futuro è un vecchio mingherlino, fallito e fallimentare, solo e dimenticato da tutti (tranne che da Jameson, per il quale è un’ossessione). E questa è la differenza più grande tra le due opere: il protagonista. Un uomo deciso e decisivo Batman, indeciso e perennemente sull’orlo del baratro . E ad Andrews piace raffigurarlo anche graficamente così. Per il resto, giù il cappello, anche ai colori di Josè Villarubia che rendono l’atmosfera cupa e nerissima dei testi e dei disegni, tranne per quelle pagine completamente bianche che vogliono rappresentare le pagine più felici o più infelici della vita di Peter.

Abbiamo parlato di:
Spider-Man: Il Regno (Marvel Best Seller 18)
Kaare Andrews
Traduzione di Pier Paolo Ronchetti
, 2015
160 pagine, brossurato, colori – 6,50 €
ISSN: 977227988590950018

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio