Home > Articoli > Recensioni > La militanza non solo cartacea di Paper Resistance

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - pr-slide

Handcuffs” si presenta come un catalogo di tessuti. I fogli, leggermente ingialliti, sono uniti tra loro da una vite d’ottone e presentano una serie di manette appartenenti a vari periodi storici.

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - ENJOY-300x300

Ogni manetta è disegnata in bianco e nero, quasi impressa sullo sfondo bianco del cartone dove appare in primo piano con una didascalia che riporta l’anno di produzione e il paese dove è stata utilizzata. Le immagini sono collocate in ordine temporale, a partire dalle manette in uso nel Regno Unito dal 1860. Ne seguono altre, in uso negli Stati Uniti, in Germania, in Sudafrica. Sono tutte in metallo e la loro forma (il loro design…) fanno pensare alle posizioni a cui sono obbligati i prigionieri. Ma dedica l’opera a Houdini, il grande artista della fuga. Ed è suggestivo che la sequenza si chiuda con il modello in uso dal 1999, quello fatto con le fascette autobloccanti, in plastica indistruttibile, in puro stile Guantanamo, sottotitolate “World wide street”, come ad indicare una condizione di costrizione globale, dalla quale neanche Houdini può avere una minima speranza di scappare. La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - profile-paperresistance-300x231
Lo stridore tra il messaggio libertario e il travestimento ludico dell’opera è ulteriormente sottolineato dalla confezione che contiene i fogli rilegati: un involucro su cui sono stampate tutte le manette pubblicate all’interno singolarmente e qui, invece, disposte come un tessuto della Naj Oleari.
L’opera si stratifica così su più livelli: narrativo, grafico e di design, oltre a poter essere fruita nella sua potenziale unicità. Sembra dunque che l’autore abbia voluto raccontarci una storia su come è andato il mondo sino ad un certo punto e come funziona oggi.

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - gunzL’arte grafica di Paper Resistance esprime quindi una costante e beffarda critica socio-politica, spesso espressa attraverso una dissimulazione dei significati. Ci sarebbe spesso da chiedersi cosa si sta veramente vedendo, di fronte a immagini che rappresentano un oggetto, una figura vivente, ma che rimandano sempre ad una condizione, ad una soggettività radicale.

Il gioco è possibile grazie alla netta presa di distanza da riferimenti pittorici e fumettistici, pur essendo l’autore protagonista degli ambiti in cui si praticano le arti visive e il fumetto. Infatti Paper Resistance colloca il suo percorso in parallelo per poter disporre dei necessari canali di comunicazione: riviste cartacee, mostre, manifestazioni, performance. Ma poi la sua attività di visualizzazione riproduce la comunicazione che troviamo nelle città e nelle strade. Leggiamo storie e guardiamo illustrazioni, che in realtà sono manifesti, adesivi, magliette, insegne, loghi.
Una delle caratteristiche più interessanti dei suoi lavori diventa così la flessibilità che permette loro di viaggiare su più supporti, senza la necessità di particolari adattamenti.
E’ il caso della biografia dedicata a George Jackson, pubblicata in volume e disponibile sul blog dell’autore (1) . Sono sedici pagine, scritte da U-Net (Giuseppe Pipitone), dove testo e immagini sono giustapposte come in un volantino politico. In effetti, è una storia di rilievo politico, dove il protagonista ha pagato a caro prezzo il suo impegno antirazzista. Gli autori, raccontando, contestualmente comunicano il proprio sdegno, la propria adesione ideale, facendo militanza attiva attraverso una grafica di denuncia.

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - hand-300x224

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - mask_masoUn altro lavoro importante (2) è stato allestito nel 2009, all’interno del Pop Up festival di Ancona. Intitolato “Welcome”, ha avuto come tema l’immigrazione e la carenza di memoria. Paper Resistance applica delle figure stampate su plastica da striscione sulle pareti di un capannone. Ne viene fuori un vero e proprio affresco nel quale un vigile accoglie le navi dei migranti, accanto ad un cartello che recita (appunto) “Welcome”, benvenuti, ma che al posto della “o” presenta un cartello stradale rosso di senso vietato, sottolineando implicitamente l’asimmetrica condizione dei nostri cittadini.
Eppure, una volta, eravamo noi a migrare in altri paesi.

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - paperesistance

Altri affreschi plastici dell’artista ricordano quel periodo. Altri ancora presentano poliziotti in tenuta antisommossa, pronti ad esercitare le proprie funzioni di controllo.

Il tratto omogeneo, per anni rigorosamente in bianco e nero, ha cementato ulteriormente l’intesa ideale e artistica con altri autori come Ericailcane, e . Proprio con alcuni di loro, ha costruito alcune delle esperienze più note a chi segue il fumetto, come il collettivo inguine.net e la rivista che ne è scaturita “Inguine MAH!gazine” (3) . Anche in queste esperienze si può apprezzarne la versatilità nell’agire sia in collettivo che da solista.

www.paper-resistance.org

La militanza non solo cartacea di Paper Resistance - first-aid


Note:
  1. www.paper-resistance.org/wp/?p=156 

  2. www.paper-resistance.org/wp/?m=200907 

  3. inguine.nowhere.it/?cat=164 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.