Approfondimenti

EDITORIALE: Il Nuovo Sito www.24hic.it

immagine1-39671

EDITORIALE: Il Nuovo Sito www.24hic.it - immagine1-3967Il rapporto individuale con il tempo è affare complicato.
In molte occasioni ho potuto appurare personalmente o attraverso le parole degli altri come la variabile temporale non solo è soggettiva a livello percettivo, ma anche inafferrabile sul piano cognitivo.
I fumetti, che trasferiscono lo scorrere del tempo nello sviluppo orizzontale e verticale dello spazio, attuano un processo simile a quello utilizzato dalla scrittura musicale. Sembra scontato, oggi, eppure per molti anni la notazione musicale è stata un problema. La durata – che indica la lunghezza delle singole note – è invenzione giovane, rispetto ai millenni nei quali la musica ha accompagnato l’umanità [1].
Nel fumetto succede qualcosa di ancora diverso. Esistono segni convenzionali per esprimere il passare del tempo – e per indicare in quale tempo ci si trova nel momento della lettura, presente, passato, futuro… – ma esiste soprattutto una scansione del tempo tra una vignetta e l’altra che è elemento proprio e fondante della narrazione. Perche’ attraverso la sequenza e quindi la scelta deliberata di quale parte di un’azione o di un evento includere e quale escludere, si crea una storia unica, che è in primo luogo interpretazione soggettiva dell’autore rispetto a quella vicenda. Implicita ma non automatica è la richiesta che sia il lettore a riempire quegli spazi – spazi temporali, logici, emozionali… – a dare forma psicologica a parabole di vita o di singoli atti.
A pensarci, si finisce per cadere nel pozzo del paradosso logico di Zenone, quello di Achille e della tartaruga [2], laddove la matematica non aiuta ad orientarsi ne’ dal punto di vista scientifico ne’ da quello esistenziale. Perche’ c’e’ la reale possibilità di cadere in quegli spazi bianchi tra una vignetta e l’altra e di rimanerci intrappolati per sempre a riempire di contenuti quello che non esiste.

Il rapporto con il tempo è il principio alla base della 24 Hour , che costringe gli autori di fumetti a realizzare una storia in un tempo decisamente breve, tendente a meno infinito (- anello di moebius). E da quell’esperienza, avvincente e riuscitissima, è possibile raccogliere due storie che sono la massima esemplificazione di come possa essere narrato il tempo in un racconto a fumetti, una all’estremo opposto dell’altra. La prima è la sequenza intensa e felicissima della caccia realizzata da Enea Riboldi nell’ottobre 2005 (prima, pionieristica edizione della 24hic a Milano), dove in 24 tavole viene raccontato un evento che si svolgerebbe in pochissimi istanti nella vita reale. La seconda è il racconto di una vita di Gianni Allegra (2006, Palermo), che condensa con ironia, intensissima forza e decisione, gli anni di un uomo maturo, che fa i conti non solo con il proprio passato ma anche con quello della nostra piccola, modesta Italia.

EDITORIALE: Il Nuovo Sito www.24hic.it - immagine2-3967Torna alla mente la visione del parco Vigeland di Oslo [3], laddove le statue, vignette di un grande fumetto esistenziale, raccontano la vita universale dell’uomo, le tappe obbligate, le ricorrenze, le necessita’. Un monumento a ricordo dell’umana fragilità e dell’umana grandezza, che ha molto a che fare con la creatività e la fantasia.

E dominio del tempo, incontrastato, incontrollato, è stato il Sito ufficiale della 24hic che oggi vede finalmente la luce e nel quale potete trovare le due storie sopra citate. Chiediamo scusa per la lunga attesa, e chiediamo comprensione ai Signori Autori che per primi dovrebbero comprendere tutta la vicenda: del grande fumetto che è la parabola del 24 Hour , la vignetta precedente è la gloriosa conclusione della 24 ore dello scorso ottobre (2006), la successiva è l’altrettanto gloriosa messa on line del nuovo sito che pubblica e pubblicherà tutte le storie mai realizzate in una 24 hic.
Lo Spazio Bianco che resta nel mezzo, beh, sta alla fantasia di ognuno.

Un portale unico nel suo genere ha quindi visto la luce.
Come spiegato qui (www.24hic.it/post.php?id=3946) è solo la primissima versione di un sito in continua evoluzione. Ma intanto una prima, buona parte delle più di 150 storie realizzate finora può vedere la luce, essere scaricata in pdf, stampata, consumata a piacimento, e nel tempo che ognuno decide di dedicarvi.
A presto nuovi aggiornamenti, ma prima tutti a Firenze per la nuova 24 Hour Italy Comics in quel di Italia Wave, il 21 e 22 luglio. Siete tutti invitati!

Note:
[1]: per una brillante e attuale riflessione sulla musica (e anche sulla notazione musicale) si consiglia la lettura dell’Enciclopedia della Musica a cura di J.J. Nattiez (2001, ) – www.einaudi.it/einaudi/ita/catalogo/scheda.jsp?isbn=978880615840&ed=87
[2]: a proposito del paradosso di Zenone (e di molti altri temi legati a logica formale, scrittura e pensiero) si consiglia la lettura del saggio di Douglas Hofstadter G

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio