Recensioni

Tex Willer – Il romanzo della mia vita

Tex Willer - Il romanzo della mia vita - tex-194x300Il libro di sulla vita di è stato definito da più parti come una insolita e piacevole iniziativa editoriale. C’è da dire che solo il contesto italiano può trovare “insolito” lo sfruttamento multimediale di una proprietà intellettuale di straordinario successo. Negli USA, operazioni del genere sono all’ordine del giorno anche per personaggi molto meno popolari del nostro ranger del Texas e raramente hanno la qualità che ci ha messo dentro. Ma, come detto, siamo in Italia e certe cose non si fanno. E quando si fanno, quasi ci si vergogna di averle fatte e si cerca di non dare troppo nell’occhio.

Non è un caso che per illustrare la copertina del volume edito da Mondadori non sia stato chiamato alcun disegnatore storico della collana (affidandosi, piuttosto, a una composizione grafica), che non appaia il volto o il logo del personaggio (ci sono però sulla costa e sulla quarta di copertina) e, cosa ancora più grave, non ci sia nemmeno il nome dello scrittore. Qualcuno di voi dirà che tale scelta è stata fatta per alimentare il gioco narrativo del romanzo in cui è Willer stesso a raccontare la sua vita a un giornalista, ma tale espediente è stato utilizzato anche, per esempio, da Thomas Berger nel suo romanzo capolavoro Il Piccolo Grande Uomo, ma a nessuno è venuto in mente di far firmare il romanzo a nome di Jack Crabb, il protagonista della storia. Mettiamo però da parte queste considerazioni e prendiamo in esame il lavoro di Mauro Boselli in quanto tale.Tex Willer - Il romanzo della mia vita - 1301398705

Il romanzo è breve, snello e coinciso. Proprio come ci si aspetterebbe se fosse davvero Tex a raccontare le molte avventure della sua vita. Una lettura davvero piacevole, veloce, che non ha mai un attimo di pausa e che riprende bene lo spirito delle dime novel dell’epoca, pur con un taglio maggiormente realistico e credibile.
Ma non sono solo i romanzetti western del tardo ottocento a ispirare Boselli.
Lo scrittore milanese, infatti, si muove su un doppio percorso. Da una parte l’intenzione, evidente, di riprendere la freschezza e la vitalità di quello scrittore prestato ai fumetti (e mai restituito) che era . Dall’altra parte, l’evidente intenzione di dare una coerenza complessiva alle vicende di Tex Willer, inquadrandole in un contesto storico abbastanza preciso, eliminando le contraddizioni e gli svarioni che storia dopo storia, in oltre sessant’anni di pubblicazioni, si sono inevitabilmente accumulati.

Tex Willer - Il romanzo della mia vita - cover_bio1_gUn approccio che è quasi un marchio di fabbrica per Boselli (che aveva già operato nello stesso senso anche quando si era occupato di Zagor) e che è probabilmente l’unico elemento di questo romanzo che potrebbe lasciare perplesso qualche lettore, tra cui il sottoscritto.
Perché il western di Tex, al pari della Darkwood di Zagor (anche se in maniera meno esasperata) è più uno stato della mente che luogo storico e geografico. Il rischio è che, nella sua nobile missione di rendere Tex concreto e realistico, Boselli pecchi di un eccesso di storicizzazione, finendo per limitare le potenzialità narrative di Aquila della Notte, trasformando un personaggio più grande della vita (in grado di vedersela tanto con indiani, rapinatori, guerriglieri, quanto con stregoni, mostri e persino dinosauri!), in un semplice e credibile raddrizza torti del vecchio west.
Se fossimo negli USA, i lettori adesso si starebbero scannando su internet per stabilire se la continuity (1) di Tex sia quella raccontata nel fumetto o la nuova versione, rivista e corretta da Boselli nel romanzo ma Sergio Bonelli ha già garantito che gli eventi del libro non andranno a influire sul “canone” texiano (niente retcon (2) per Tex!).

In conclusione, “Tex Willer -il romanzo della mia vita” è una lettura davvero brillante e la dimostrazione di come, volendo, certe cose si possono fare anche in Italia (incontrando anche un certo successo visto che la prima edizione del romanzo è andata esaurita e sta venendo ristampato).
Insomma, consigliatissimo se siete lettori di Tex o amanti della narrativa western.

Abbiamo parlato di:
Tex Willer. Il romanzo della mia vita
Mauro Boselli, illustrazioni di
Mondadori Collana Arcobaleno – 2011
224 pagine, cartonato con sovraccoperta, illustrazioni in bianco e nero – 17,00 €
ISBN: 978880460856

Riferimenti:
La pagina del libro nel sito Mondadori
Il sito della : www.sergiobonellieditore.it


Note:
  1. it.wikipedia.org/wiki/Continuity 

  2. it.wikipedia.org/wiki/Retcon 

2 Commenti

2 Comments

  1. Antonio Solinas

    12 settembre 2011 a 15:28

    Una sola cosa: “proprietà intellettuale” è diverso dall’americano “property”. La proprietà intellettuale, in italiano, è l’insieme dei brevetti di un’azienda.
    Per il resto, buona recensione.

  2. Debris

    12 settembre 2011 a 14:30

    In effetti mi ha un pò stranito come volume…forse in altri paesi è abituale da noi mi è sembrato strano, insolita ( si lo so che c’è stata nello stesso periodo una sorta di biografia di Diabolik ) Penso però una cosa – ho visto qualche pubblicità dedicata al libro ma poca cosa – si poteva essere un “pelino” più aggressivi nel proporlo ad esempio proponendo degli estratti in qualche albo ( magari uno speciale ) della casa editrice o presentandolo in qualche mostra ( penso alla mostra del Museo di Lucca dedicata alla storia della Bonelli, ho da poco comprato il volume catalogo mandato in fumetteria ) Proprio perchè non è un’operazione da cui ci si può aspettare un grande ritorno economico ma soprattutto un ritorno di immagine operazioni di questo genere erano convenienti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio