Home > BreVisioni > Fantastici Quattro #318

Fantastici Quattro #318

Fantastici Quattro #318 - c74d326ce4d02f036def5c98930a57d4-195x300In casa Panini le serie mensili Marvel subiscono una rapida accelerata per restringere al minimo il gap con le uscite americane (il cosiddetto “catch up”); a novembre incombe già il cross over “Fear itself”, iniziato in Usa solo ad aprile di questo stesso anno. I Fantastici Quattro, nell’occasione, raddoppiano la presenza sulla testata e si avvicinano a tappe forzate all’epilogo (che già si sa tragico) della saga “Tre”. Con il quartetto smembrato in tre parti e una narrazione parallela, Hickman crea un senso di cupa preparazione al lutto decisamente efficace; complici, neanche a dirlo, le matite e chine di un pulito (che metterà mano, a quanto pare, nella morte di un altro supereroe Marvel dopo Capitan America). In appendice la miniserie S.H.I.E.L.D. che contestualizza nei secoli scorsi (ma siamo arrivati ormai al ventesimo) il lavoro sottotraccia della Agenzia per eccellenza dell’Universo Marvel. Nella storia di questo mese è singolare la presenza del croato Nicola Tesla (uomo dal multiforme ingegno realmente esistito); i disegni non possono non ricordarci per colori e ambientazioni e teconologie l’italianissimo Giulio Maraviglia opera di Bilotta e Di Giandomenico. Completano l’albo dieci tavole del mostro in una storia sugli Inumani del 1971.

Abbiamo parlato di:
Fantastici Quattro #318
, Steve Epting, Dustin Weaver
traduzione di Giuseppe Guidi
, agosto 2011
80 pagine, spillato, colori – 3,50 €
ISBN: 9771124223002

2 commenti

  1. L’eccesso di accellerazione non permette di gustare una saga che, comunque, sembra ben interessante, appunto, sembra.

    • Davide Occhicone
      Davide Occhicone

      Ti diró,
      Ci sono persone che aspettano che le saghe si dipanino per poi comprare i paperback e leggere tutto di seguito…
      Tu ami centellinare mese per mese….
      In realtá si tratta di accelerats temporanea… Ormai siamo a ridosso, no?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.