Home > BreVisioni > Wolverine: Sex+Violence

Wolverine: Sex+Violence

Wolverine: Sex+Violence - image_gallery11-200x300Sta diventando una fastidiosa abitudine della Marvel Italia pubblicare delle miniserie tutto sommato trascurabili sotto la raffinata etichetta Marvel Graphic Novel che, in teoria, dovrebbe garantire storie di una certa qualità.
Rientra sotto questa categoria anche Sex+Violence, che punta sull’accoppiata cool Wolverine, personaggio ormai pericolosamente vicino all’overdose espositiva, e la mutante Domino per raccontarci una semplice storia di caccia al tesoro che in alcuni punti sfiora il ridicolo. Gli sceneggiatori (addirittura due!) Chris Yost e Craig Kyle sembrano non essere mai entrati in sintonia col progetto, mettendo a punto una storia piatta e dai monologhi scontati che vede i nostri due protagonisti contro la temibile Belladonna e il suo clan Ninja (non poteva mancare).
I disegni pittorici di Gabriele Dell’Otto rimangono il fiore all’occhiello di questa produzione, con il nostro connazionale che mette in mostra quasi tutte le doti che lo hanno reso famoso. Sempre precisi e dinamici i suoi disegni che denotano un attento studio della pagina, anche se in qualche raro caso si ha la sensazione che anche lui si sia adagiato sulla brutta trama di Yost e Kyle.
Un’ultima annotazione riguardo al titolo: di violenza se ne trova in abbondanza condita da smembramenti e amputazioni varie. Se invece è il sesso ad attirarvi, allora lasciate stare visto che il fugace accoppiamento tra Logan e Domino è probabilmente uno dei più casti della storia del fumetto. Insomma tanto fumo e poco arrosto, tanta violenza e poco sesso.

Abbiamo parlato di:
Wolverine: Sex+Violence
Chris Yost, Craig Kyle, Gabriele Dell’Otto
Traduzione di
, 2011
80 pagine, cartonato, colori – 12,00€
ISBN: 9788863469554

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.