Home > Top 10 > Top Ten 2006 > Top Ten 2006 – Le classifiche degli ospiti parte 2

Top Ten 2006 – Le classifiche degli ospiti parte 2

SERGIO NAZZARO
In ordine rigorosamente sparso, anzi alfabetico, di casa editrice, perché tutti i titoli sono fondamentali.

Monsieur Jean 3 (BD)
Volevo scriverne l’introduzione, ma ahime’ non è andata. Uno dei testi più belli di sempre, grazie di esistere Monsieur Jean.

La storia di Bird #3 (Alessandro Editore)
Una serie toccante, profonda e destabilizzante per certi versi, quando il disegno e il narrare si incontrano e si amano.

Bardin il superrealista ()
Manifesto totale e totalizzante di cosa sia il fumetto, debba essere e sarà sempre, in fin dei conti.

Banana Meccanica (Coniglio)
Per fortuna c’e’ qualcuno che ricorda, qualcuno coraggioso che pubblica e Stefano Tamburini Vive Ancora!

Inguine mah!gazine (Fernandel)
L’unica rivista di fumetto che si aggira come spettro inquieto in Italia, e Costantini sa cosa e come fare per agitare le coscienze.

Pyongyang (Fusi Orari)
Ahi, fumetto serio, impegnato, politico, complicato, fumetto geopolitica, eppur vende e si trova dovunque. In libreria of course.

Free Soul (Kappa)
Gli unici manga che leggo, lo confesso, ma lo avevano detto: l’altro modo di leggere manga.

Bye bye jazz (Lavieri)Voto di parte, per un piccolo capolavoro di amici che conosco e apprezzo. Ditemi che è brutto, tanto non vi credo!

Re in Incognito (Saldapress)
Contro il regolamento, si deve votare l’officina dissaldante e il suo riproporre in tempi storici sì difficili, fumetti sì intensi. Giu’ il cappello e addosso le coperte.

Solinga Volendo
Un’edizione imponente che mette il punto fine a chi vede in Marina Comandino solo la moglie di Andrea Pazienza: vedere per credere.

FRANCESCO PALMIERI (www.neurocomix.it
1) Il commissario Spada (Black Velvet/BD)
Storie dense, un bel ritratto della società dell’epoca e il genio di De Luca, un Maestro che va riscoperto.

2) (Comma 22)
Alberto Breccia è stato un innovatore la cui portata dev’essere ancora pienamente scoperta. Dracula, principe delal notte, viene esaltato dalle atmosfere cupe e dallo stile graffiante del Maestro.

3) Gli archivi di Spirit (Kappa)
Tutto quello che i comic-book contemporanei riescono a esprimere è già nelle pagine di Spirit. Eisner codifica un genere e ne traccia l’evoluzione.

4) La Fenice 4 (Hazard)
Il talento e la delicatezza narrativa di un autentico Demiurgo del fumetto. Uno dei capitoli più coinvolgenti della sua opera più ambiziosa.

5) Krazy & Ignatz 1 (Free Books)
Un’opera seminale. Una striscia esilarante. Una pietra miliare per il fumetto mondiale.

6) Frank
il gattone silente che spazia in un universo improbabile e lisergico, caramelloso e raccapricciante, ci dona momenti di pura gioia.

7) Negative Burn: The Best (Free Books)
Negative Burn è stata una delle migliori testate americane degli anni ’90 del secolo scorso. Le storie raccolte in uesto volume rappresentano una selezione del meglio pubblicatovi. Ed è davvero tra il meglio del meglio.

8) L’Età del Bronzo (Free Books)
La ricostruzione che Shanower compie basandosi sulle gesta narrate nell’Iliade è un vero capolavoro di verosomiglianza, nella costruzione dei personaggi, nella riproduzione degli ambienti, nella ricerca storica di usanze e stili di vita, nei dialoghi… Un’opera moderna già diventata un classico.

9) Ford Ravenstock: specialista in suicidi (Panini)
Un personaggio originale che vive avventure inusuali e ben congegnate dalla brava . Disegnato con tratto spigoloso e colori a tratti acidi da un ispirato Armando Rossi. Un character che ha un futuro… se non s’ammazza prima.

10) Come sopravvivere in azienda ()
L’umorismo di Larcenet unito al suo magnifico disegno, vi conquistera’.

MARCO PELLITTERI
1) 2001 Nights – voll. 1-5, di Hoshino Yukinobu (d/visual)
Per la sapienza con cui l

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.