Home > Articoli > Approfondimenti > Scarabocchio ergo sum – Il fumetto senza editori

Scarabocchio ergo sum – Il fumetto senza editori

Scarabocchio ergo sum - Il fumetto senza editori - immagine1-3590Lulu.com fa parte di quei siti nati dal concetto e dalle tecnologie del cosiddetto web 2.0. Internet come comunita’, come condivisione di contenuti, contenitore di siti che non si possono più considerare opera di una singola persona ma che si sviluppano dall’iterazione tra gli utenti. Ma internet anche come creazione di possibilità reali, di economia, di ricchezza.
Lulu.com è un’azienda che offre servizi di pubblicazione su richiesta basata esclusivamente sul web. Gli autori vengono così assistiti con un sistema di produzione editoriale completo in tutte le sue fasi, a costo zero. I libri vengono acquistati in formato digitale oppure direttamente stampati e spediti agli acquirenti “on demand”, copia per copia. Le spese sono sostenute dagli acquirenti e il prezzo deciso dagli autori, che conservano tutti i diritti sulle opere.
Bob Young, creatore di Lulu.com, afferma: “L’attuale sistema editoriale, sostiene l’imprenditore canadese, funziona per i best seller, ma non lascia spazio ai titoli che non promettono vendite dell’ordine dei milioni. Gli editori si rifiutano di pubblicare, molto spesso, non perché il libro (il cd o le foto) non sia di pregio, ma perché il titolo non ha mercato.

La sviluppo di tali tecnologie potrebbero creare nuovi spazi per l’editoria, a fumetti e non. Un esempio ci viene da un autore italiano, Maurizio Di Bona, che con il suo Scarabocchio ergo sum tenta di percorrere una strada ancora non battuta.
Di Bona, napoletano, classe 1971, è autore e grafico, si occupa oltre che di fumetti di musica, cinema, filosofia e satira. Definisce Scarabocchio ergo sum “Una galleria disarticolata di caricature, vignette di satira, strip eretiche ed erotiche, distorsioni mentali e visioni alcoliche venute fuori negli ultimi 5 anni di disegno matto e “disperatissimo”. […]

INTERVISTA A MAURIZIO DI BONA

Scarabocchio ergo sum - Il fumetto senza editori - immagine2-3590Come è nata l’idea di tentare l’avventura su Lulu.com?
Lulu è una grande occasione che aspettavo da tempo, perché non ne potevo più di bussare e mendicare alle porte dei vari editori, che quando, ma soprattutto se (sottolineo se), trovano il tempo di rispondere, è per proporre un contratto, che non solo ti tarpa le ali, ma ti blocca la coda e ti chiude il becco. Fuor di zoo-metafora e linguaggi figurati, la realtà editoriale italiana è senza mezzi termini desolante e le possibilità di un autore sconosciuto, o emergente che dir si voglia, di vedere un libro pubblicato e distribuito come si conviene sono prossime allo zero. Lulu è quindi una boccata d’ossigeno che dà respiro in tutti i sensi e che per quanto mi riguarda spalanca porte e orizzonti, perché ho intenzione di affidarle anche i miei prossimi lavori.

Quante copie ha venduto il tuo volume? Come giudichi questo dato?
Ho appena tagliato il nastro delle prime 100 copie. Ma il dato di per se è irrilevante, in fondo è proporzionale alla promozione che si riesce in qualche modo ad orchestrare. Non dimentichiamoci che non c’e’ distribuzione nelle librerie, perché la vendita avviene esclusivamente on line. Occorre quindi far sapere al potenziale lettore che quel libro esiste e dargli la possibilità di sfogliarne una preview in modo che si faccia un’idea di cosa si tratta, prima di aquistarlo. Quel che conta piuttosto è la soddisfazione di vedere che c’e’ finalmente un’alternativa valida al mainstream ed ai circuiti ufficiali, che premia passione e voglia di fare… e tutto a costo zero!

Annunciando il prossimo secondo volume di “Scarabocchio ergo sum” non esiti a toglierti qualche sassolino dalle scarpe sull’editoria italiana. Rifiuti e scetticismo hanno accompagnato il proposito di pubblicare questo volume: ti va di parlarne?
Questo è un libro anomalo per metà scritto e per metà disegnato, che gli editori tradizionali, quando l’ho proposto, faticavano ad inquadrare ed etichettare. Sarebbe dovuto entrare in un qualche fuori collana ma poi anche la diversità di contenuti e stili grafici adoperati, evidentemente spiazzavano e tagliavano fuori anche da quella (non) catalogazione. Il fatto che poi l’autore fosse un perfetto sconosciuto aumentavano il rischio di avere un prodotto con incognite di vendite insostenibili per chi dal vocabolario ha cancellato (o ha dovuto cancellare) parole come coraggio, fiducia, intraprendenza e per l’appunto rischio. Altro tasto dolente ed importantissimo è quello dei tempi di riscontro che sono biblici e che spesso portano ad ulteriori rimandi e mezze risposte ancora più snervanti. Con Lulu invece il risultato è pressoche’ immediato, ma foss’anche solo per vedere se il manoscritto che si custodiva gelosamente nel cassetto era un capolavoro letterario o solo i due centimetri solidi utili a rimettere in piano il tavolo azzoppato! Si stabilisce un rapporto diretto fra autore e lettore, che ti premia se reputa quello che gli offri valido e apprezza un prezzo (scusa il bisticcio) decisamente più leggero, perché senza ricarichi e spese di tiratura.

Sicuramente il mercato internazionale è più attivo in questo senso; hai mai pensato di ripubblicare la tua opera in doppia lingua italiano-inglese per poter arrivare a un bacino potenziale di lettori più ampio?
Sto pensando di farlo proprio per Scarabocchio Ergo Sum 2, ma dovro’ cambiare un po’ l’impianto generale, dando maggiore spazio ai disegni, che non hanno bisogno di alcuna traduzione, e riducendo e semplificando le note scritte. Sto tentando con un paio di volenterose “crocerossine della lingua” l’impresa di tradurre il primo volume non solo in inglese, ma anche in francese, spagnolo e tedesco. Purtroppo frequenti giochi di parole, doppi sensi ed espressioni troppo legate all’italiano rendono il percorso accidentato ed improbabile…
Il nuovo volume invece sarà concepito proprio in questo senso ed avrà anche soggetti più riconoscibili ad un pubblico internazionale, proprio perché dall’estero sono arrivate richieste per una versione tradotta, che non posso ignorare.

Pensi che servizi come questo possano essere una opportunità concreta per chi vuole autoprodursi?
Fermamente convinto… sono qui a dimostrarlo!

Scarabocchio ergo sum
Maurizio “The hand” Di Bona

112 pagine, b/n, bros. – 12,00euro
Editore: Lulu.com
Per ordinazioni: www.lulu.com/content/475676

Riferimenti:
Maurizio Di Bona, sito personale: www.thehand.it
Lulu.com: www.lulu.com
Lulu.com su Wikipedia italia: it.wikipedia.org/wiki/Lulu.com
Maurizio Di Bona su LoSpazioBianco.it: www.lospaziobianco.it/?p=3937

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.