BreVisioni

La Dottrina #1 (Bilotta, di Giandomenico)

manifestodottrina1

La Dottrina #1 (Bilotta, di Giandomenico) - manifestodottrinaUn poco di 1984 di Orwell. Un tocco abbondante di V per Vendetta di Alan Moore. Mescolare il tutto e servire ben colorato. Questa sembra essere la ricetta per , pubblicazione tutta made in Italy che sancisce un rinato impegno sul fronte dei prodotti italiani per la , evidenziato dalla collaborazione con la di Bonerest e Quebrada.
vede all’opera ai testi (Povero Pinocchio, Il dono nero e Giulio Maraviglia) e Carmine di Giandomenico ai disegni (Examen per la Phoenix, Conan il barbaro, Giulio Maraviglia).
In un futuro non ben precisato la vita di ogni cittadino è controllata dall’Interno, misteriosa quanto crudele organizzazione, e dal fantomatico Nocchiere, che vieta l’immaginazione, che seleziona i migliori mariti e padri per ogni nucleo familiare, che cerca di inaridire i sentimenti e di creare nuove generazioni completamente asservite.
Zeccaria, il narratore, ci guida con i suoi pensieri in questo mondo nel quale egli stesso ha l’impressione di essere il solo a rendersi conto di quanto sia sbagliato. Forse non è proprio cosi’, se da un passato oscuro torna la Smorfia, un uomo con indosso una maschera da teatro tragico, che sembra voler capovolgere il dominio dell’Interno con la forza. Che sia una ennesima messa in scena?
I disegni ed i colori di Giandomenico sono molto buoni, confermandone il talento già ammirato nei precedenti lavori, mentre la storia aspetta i numeri seguenti per dipanarsi a dovere. Di certo la massiccia e coraggiosa campagna pubblicitaria fatta per La Dottrina, con false comunicazioni dell’Interno, siti segreti e falsi manifesti di propaganda, non ha che aumentato l’attesa per un fumetto che, dopo questo primo numero, non sembra intenzionato a deludere.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio