BreVisioni

Marvel Universe VS The Punisher (Special Events #74)

0 - post-14-1301416683

Marvel Universe VS The Punisher (Special Events #74) - post-14-1301416683-195x300Cominciamo, per una volta, dal giudizio finale: Marvel Universe vs The Punisher è un buon prodotto d’intrattenimento, ben scritto e meglio disegnato, ma nulla di più. Una piacevole lettura che forse non piacerà ai puristi del Punisher, a causa dell’ambientazione “alternativa” (la miniserie è un Whati If), ma questo non è – sia detto con affetto per i fan – determinante. Lo sceneggiatore Jonathan Maberry si ispira ai Marvel Zombi per creare una realtà divergente da quella della classica Terra-616, in cui una misteriosa epidemia ha trasformato gran parte degli esseri umani in cannibali dementi. Chiaramente chi è dotato di superpoteri ha avuto la meglio, finendo per dominare New York (del resto del mondo non ci è dato sapere con esattezza, come consuetudine di molta fiction statunitense). Il “nostro” Frank Castle rimane, ironia della sorte, l’ultimo baluardo dell’umanità; da sterminatore di criminali si tramuta in killer di cannibali. La caratterizzazione del personaggio offerta non diverge particolarmente da quella tradizionale ma, pur non brillando per originalità, è riuscita perché offre una psicologia semplice ma convincente. Esemplare la battuta in cui Castle spiega che non gli interessa salvare nessuno: vuole solo punire. Ottimi i disegni di , che ricorda molto Jorge Zaffino, altro disegnatore dallo stile europeo cimentatosi col Punisher, puliti e graffianti allo stesso tempo e decisamente adeguati a rappresentare il mondo dei cannibali.

Abbiamo parlato di:
Marvel Universe VS The Punisher (Special Events #74)
Jonathan Maberry,
Traduzione di
, 2011
96 pagine, brossurato, colori – 4,30€
ISBN: 978-0785143550

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio