Top Ten 2010

Top Ten 2010 – Luigi Siviero

0 - cerebus_alta_societa2

LUIGI SIVIERO
house-of-mystery.blogspot.com

 

Top Ten 2010 - Luigi Siviero - cinquemila9-210x3001) Cinquemila chilometri al secondo di Manuele Fior (Coconino Press-Fandango)
Fior padroneggia il colore e tesse abilmente una trama giocata sugli scarti temporali. Tuttavia è nei dettagli più piccoli che sta il vero fascino di Cinquemila chilometri al secondo: una postura, un’esclamazione, uno sguardo… E il fumetto ha tanti dettagli quante sono le vignette…

2) Gaza 1956 di Joe Sacco (Mondadori)
Abituato come sono alle brutture italiane mi sembra incredibile che un giornalista e un narratore di cronaca a fumetti sia rigoroso, intellettualmente onesto e capace di disegnare. Sarà l’aria di Malta.

3) Batman and Robin di Grant Morrison e vari su Batman (Planeta DeAgostini)
Grant Morrison si immerge nel flusso settantennale dei fumetti di Batman aggiungendo un nuovo tassello allo sterminato mito dell’Uomo Pipistrello, proiettandolo verso il futuro grazie a uno stile impeccabile e a una perfetta alchimia con disegnatori come Frank Quitely e Frazer Irving.

4) Mia mamma (è in America ha conosciuto Bufalo Bill) di Jean Régnaud e Emile Bravo (Bao)
Attraverso il punto di vista ingenuo di un bambino si provano il dolore, il tormento e la gioia della vita, dell’amicizia, della crescita e della scoperta della morte, in un’opera amara e commovente.

5) Yeti di Alessandro Tota (Coconino Press-Fandango)
Yeti è un’originale fusione di autobiografia e favola. L’autore, immigrato da Bari a Parigi, prende spunto dalle sue esperienze personali per raccontare la storia di un personaggio di fantasia che affascinerebbe qualunque bambino.

Top Ten 2010 - Luigi Siviero - Nuova-immagine16) Rebetiko di David Prudhomme (Coconino Press-Fandango)
La musica nasce libera di volare nell’aria: perché catturarla incidendo dischi?, sostiene Markos Vamvakaris. Perseguitato dalla dittatura greca per il solo fatto di suonare il rebetiko, non può riservare lo stesso destino alle sue melodie.

7) Interni 3 di Ausonia (Double Shot)
Interni è un caleidoscopio di disegni che si alternano a fotografie; di tavole, dapprima disegnate e inchiostrate, che diventano bit, pagine stampate e infine cenere; di un’odissea esistenziale che diventa thriller, metanarrazione e diario personale. Da questo turbinio emerge una presa di posizione contro l’industria culturale oppure un Libro di un’ipotetica Bibbia della religione dell’intrattenimento?

8) Il progetto Marvel di Ed Brubaker e Steve Empting (Panini comics)
Brubaker e Epting rielaborano la mitologia marvelliana della Seconda Guerra Mondiale come avevano già fatto con successo sulla serie Captain America. Un possibile neo del fumetto è la presenza insistente di slogan fastidiosi come libertà, democrazia e “Gli USA sono buoni e vi salveranno”. Spero che l’intenzione di Brubaker fosse solo di replicare il patriottismo propagandistico dei fumetti della Golden Age.

9) La teoria del granello di sabbia di Francois Schuiten e Benoit Peeters (Alessandro Editore)
Dall’affiatamento fra Schuiten e Peeters nasce un fumetto ricercato e ambizioso nel quale convivono in maniera impeccabile la passione degli autori per l’architettura e l’allegoria filosofica.

10) Valter Buio di Alessandro Bilotta e AA. VV. (Edizioni Star Comics)
Il formato bonellide fa pensare automaticamente a una quantità sterminata di eroi che impugnano perennemente pistole, fucili, asce e borsette imbottite di portaceneri di alabastro. Non che ce l’abbia con gli eroi armati, ma questo Valter Buio che in copertina tiene in mano un candelabro è una novità piacevole e quasi rivoluzionaria.

 

MENZIONE STORICA

 

Top Ten 2010 - Luigi Siviero - cerebus_alta_societa21) Cerebus: Alta società di Dave Sim (Black Velvet)
Sapere che Dave Sim ha scritto e disegnato questo fumetto al ritmo di 20 pagine al mese quando aveva 24 anni mi lascia semplicemente a bocca aperta.

2) Il Pellegrino delle Stelle di Carlos Trillo e Enrique Breccia (Allagalla)
Il tono epico e pomposo scelto da Trillo e i disegni intensi di Breccia accompagnano il lettore in un’avventura d’altri tempi.

3) Psycho Pathia Sexualis di Miguel A. Martin (Purple Press)
Finalmente si chiude l’odissea editoriale e giudiziaria che negli anni ’90 aveva portato al sequestro del fumetto e al processo dell’editore Jorge Vacca. La storia editoriale dell’opera ci ricorda una volta di più quanto fanno schifo la magistratura, la giustizia, lo Stato e l’Italia, e quanto è falsa quella libertà di espressione che gli Occidentali si vantano di possedere ma non hanno.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio