BreVisioni

Sangue amaro

0 - post-14-1294287852

Sangue amaro - post-14-1294287852Lasciate perdere i vampiri sdolcinati della saga letteraria/cinematografica di “Twilight” o i signori della notte stile cool-mafia dei primi due film di “Underworld“. Probabilmente essere un vampiro nella realtà del nostro quotidiano sarebbe uno schifo: proprio come essere semplicemente umano. Se sei uno sfigato, rimarrai uno sfigato. Se oltretutto non vuoi cedere alla bestialità del nutrirti di sangue, rinunciando di conseguenza ai tuoi poteri, resti solo un tipo con una fastidiosa allergia al sole. Questo il destino del protagonista, Dave, giovane di Los Angeles vampirizzato dal gretto conte Radu e costretto a lavorare nel suo minimarket nel turno di notte.
In Sangue Amaro (in originale “Life sucks“, gioco di parole tra “sucks”, succhiare, e “sucks” nel senso di “fa schifo”) la mitologia vampiresca viene spogliata del fascino gotico di tanta narrativa e di tanto cinema per essere calata nella realtà di tutti i giorni. E il tema centrale del racconto non è tanto la natura vampirica dei personaggi, quanto il loro adattarsi alla vita di tutti i giorni; in particolare, snodo centrale è l’innamoramento di Dave nei confronti di Rosa, affascinante dark le cui attenzioni sono contese da Wes, vampiro tanto ricco e bello quanto insensibile e vanesio.
Questo fumetto ci propone Jessica Abel in una veste spiazzante, sia per il suo ruolo, qui di sola sceneggiatrice piuttosto che autrice unica, che per il genere, lontano dall’autobiografico delle precedenti opere.
La storia scorre a cronometro, senza rallentamenti e senza elementi ridondanti, con tempi e ritmi cinematografici. I disegni di Pleece, coadiuvati dai colori fin troppo accesi e posticci di Hilary Sycamore, sono rigidi e poco personali, ma svolgono onestamente il loro compito. Una piccola sorpresa, volendo anche un’incursione, sia per la Abel che per la , in un fumetto di intrattenimento, meno ricercato e autoriale ma non per questo scarso o poco interessante.

Abbiamo parlato di:
Sangue amaro
Jessica Abel, Gabe Soria,
Traduzione di
, 2011
192 pagine, brossurato, colori – 16,50€
ISBN: 978-88-96197-37-0

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio