Home > Articoli > Recensioni > Little Annie Fanny – la bomba sexy di Harvey Kurtzman

Little Annie Fanny – la bomba sexy di Harvey Kurtzman

Little Annie Fanny - la bomba sexy di Harvey Kurtzman - 6a00d8341c684553ef0120a8935a14970b-300wiDopo aver creato le innovative riviste umoristiche Mad, Help e Trump, il maestro , insieme al collega , nel 1962 ricevette da Hugh Hefner l’offerta di realizzare un fumetto per il mensile Playboy. Da lì in poi, per ben venticinque anni, su quelle pagine fu ospitata Little Annie Fanny, il cui nome cita e parodizza il titolo della striscia per l’infanzia Little Orphan Annie, quasi a voler ricordare a partire dal nome il tipico presupposto dell’umorismo di Kurtzman che sin da Mad ha sempre ironizzato in maniera irriverente sulla cultura popolare.

Negli anni Cinquanta e Sessanta la cultura pop viveva il suo apice, figlia del nascente consumismo e dell’aspirazione popolare all’apparire. E quale fenomeno, editoriale e culturale, meglio rappresenta queste tendenze se non Playboy? Sulla rivista “adulta” per antonomasia, Kurtzman trova spazio per il suo spirito creativo libero, che nelle precedenti esperienze editoriali aveva confinato nei limiti del target giovanile, anche se spesso “forzandoli” nelle storie dalle tematiche più mature (le storie di guerra della EC Comics).

L’ingenua e fisicamente prorompente Annie è la tipica maggiorata da paginone centrale di Playboy: tante curve e poco cervello. L’autore però non la sbeffeggia soltanto, ma la prende assai sul serio; La deride sì, inserendola nelle situazioni più ridicole, ma ridicolizzandola affronta e racconta seriamente fenomeni che osservava nella società – consumismo, culto dell’immagine, mercificazione della donna – questioni allora nascenti, ma tuttora attuali.
È bene riconoscere che Kurtzman non giudica, non demonizza, non fa retorica. Il suo pregio è sempre statLittle Annie Fanny - la bomba sexy di Harvey Kurtzman - m150_little_annie_fannyo quello di raccontare con sguardo astuto, originale e acuto, offrendo cibo per la mente, spunti di riflessione.
Il disegno, con le sue rotondità e i colori sgargianti, rappresenta al meglio quell’ideale di vita patinata che pervadeva durante gli anni Sessanta il mondo americano di Annie Kurtzman, col fondamentale aiuto di, crea le pagine più ricche della sua carriera. Pagine discutibili per gli appassioLittle Annie Fanny - la bomba sexy di Harvey Kurtzman - 07_annie_kurtzelderheath_1963decnati del maestro, abituati a vedergli tratteggiare figure umane e scenari con poche linee essenziali, ma tra le più espressive della storia del fumetto.

Qui, come mostrano i disegni preparatori in calce al volume, le direttive della redazione di Playboy esercitano la loro influenza e permettono di vedere un Kurtzman diverso, capace di agire all’interno di limiti imposti – a differenza di quando era lui come editor a coordinare il lavoro dei suoi artisti – un Kurtzman che fonde il suo stile a quello più dettagliato, seppur sempre caricaturale, di Elder. Infine l’edizione , riprendendo quella originale della , offre una visione assai esaustiva sia del fumetto che della sua genesi, grazie a un appendice ricca di note e ai già citati disegni preparatori. Un volume essenziale per chi ci tiene a conoscere uno dei più grandi autori della storia dei comics attraverso uno degli ultimi capitoli della sua produzione.

Abbiamo parlato di:
Little Annie Fanny vol. 1
Harvey Kurtzman e Will Elder
Traduzione: Lorenzo Corti
Magic Press, 2010
228 pagine, brossurato, colori — 25,00€
ISBN: 978-8877593740

Riferimenti:
Magic Press: www.magicpress.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.