ANAFI e vecchio Fumetto

Equivoci landolfiani: Lino, tra vero, falso & omaggi

0 - 5

Equivoci landolfiani: Lino, tra vero, falso & omaggi - 12Ai frequentatori di mercatini e librerie d’occasione possono capitare strane esperienze. Come per esempio le buffe perplessità suscitatemi dai recenti ritrovamenti, a pochissimo tempo di distanza l’uno dall’altro, di due libri usciti entrambi nel 1954. E legati entrambi alla circostanza che nello stesso periodo ero sensibilizzato al nome di , per via di certe ricerche su di lui che avevo in corso (e che peraltro continuano tuttora).

Mi capita dunque, innanzitutto, di notare in un catalogo di libri d’occasione in vendita per corrispondenza il titolo di un libro la cui didascalia assicura “illustrato da ”. Non dico che faccio un balzo sulla sedia ma quasi (per via del pezzo assolutamente sconosciuto) e comunque lo ordino – a un costo non precisamente contenuto – e lo aspetto con trepidazione.

Equivoci landolfiani: Lino, tra vero, falso & omaggi - 41-300x284
la copertina del "falso" Landolfi

E quando, giorni dopo, finalmente posso lacerare il pacchetto postale rimango di stucco: la copertina NON è assolutamente di Landolfi! Lo sfoglio in fretta, quasi freneticamente, ma nemmeno le illustrazioni interne lo sono! Telefonerei alla libreria che si sono sbagliati, ma prima mi accerto sul colophon. E lì, c’è poco da agitarsi, è scritto chiaro e tondo “illustrazioni di Lino Landolfi”, non si scappa. E il venditore non è tenuto a essere un esperto di Landolfi e sapere pertanto di star vendendo una ciofeca. Ma non c’è nemmeno possibilità di equivoco. La disinvolta superficialità di questo tratto non appartiene in nessun modo a Landolfi; e nemmeno la struttura sghemba delle figure, a fronte di quella landolfiana, sempre equilibrata; non parliamo poi del tipo di deformazione grottesca delle immagini (tutti animali, in un contesto fiabesco) qui naïve, a fronte di quella genialmente matura, tipica del Nostro; e chiudiamo gli occhi di fronte al pressapochismo esecutivo.

Insomma, tutti requisiti che portano ben lontano da Landolfi. E a cosa sia dovuta quella attribuzione così sicura a lui, rimarrà per sempre un mistero. Questa, dunque, la cronachetta della mia delusione per quella mazzetta di euro spesi nell’acquisto di L’orso bianco e la nostalgia di Renata Paccariè, edizioni S.a.l.e.s., Roma, 1954.

Equivoci landolfiani: Lino, tra vero, falso & omaggi - 51
Il volume di Peroni

Delusione controbilanciata, almeno eticamente, poco tempo dopo da un ritrovamento – questa volta a un mercatino – di un altro libro illustrato. E in questa occasione, non da Landolfi, ma “come se”. Si tratta infatti del Tartarino di Tarascona di Alfonso Daudet, (La Scuola editrice, Brescia, 1954). E che a colpo d’occhio, dalla copertina, sembra proprio un Landolfi. Anche perché come ben si sa, la trasposizione a fumetti di questo celebre romanzo umoristico francese è stato il primo racconto a fumetti pubblicato da Landolfi nell’iniziare la collaborazione al settimanale , nel 1951.

No, in questo caso i (numerosi) disegni sono eseguiti (e firmati) da , che per anni collaborò al Vittorioso e fu fraterno amico di Landolfi. Al quale, evidentemente, ha voluto fare un omaggio, illustrando il volume con immagini che rispecchiano alla perfezione fisionomie e stilemi grafici già presenti nella precedente trasposizione a fumetti.

Equivoci landolfiani: Lino, tra vero, falso & omaggi - 21
Illustrazione di Peroni

Potete constatare voi stessi quanto ho affermato nelle righe precedenti grazie alle poche figure che accompagnano questa noterella. E che documentano in entrambi i casi una curiosa «presenza assente» di Lino Landolfi.

Tratto da Fumetto n. 74, la rivi­sta tri­me­strale dell’ANAFI (Asso­cia­zione Nazio­nale Amici del Fumetto e dell’Illustrazione), distri­buita solo ai soci della mede­sima. Punto di rife­ri­mento degli appas­sio­nati di fumetti fin dal lon­tano 1971, FUMETTO e’ uno dei bene­fici di chi si asso­cia all’ANAFI; infatti, ogni anno, oltre ai quat­tro numeri della rivi­sta, ven­gono poi desti­nati ai soci almeno due volumi omag­gio appo­si­ta­mente editi.
Per le moda­lita’ di ade­sione e di paga­mento, visi­tare la home page del sito www.amicidelfumetto.it.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio