Home > Articoli > Approfondimenti > Will Eisner: The spirit of an artistic pioneer

Will Eisner: The spirit of an artistic pioneer

Will Eisner: The spirit of an artistic pioneer - immagine1-2753Andrew D. Cooke è un giovane sceneggiatore/regista cinematografico con già all’attivo collaborazioni prestigiose e una grande voglia di fare cinema. Il suo cognome potrebbe non essere nuovo agli appassionati di comics più attenti: è infatti il fratello di Jon B. Cooke, curatore da anni di Comic Book Artist, una delle riviste di informazione e critica sul fumetto americano più seguite e premiate degli ultimi anni. “Just fitting”, come direbbero loro, trovarli insieme nel progetto Will Eisner: The spirit of an artistic pioneer. A chiunque abbia già fatto 2+2, possiamo solo confermare: si’, è un lungometraggio sulla vita di Will Eisner.
Il progetto, fortunatamente, non ha aspettato la scomparsa del grande autore e risale in realtà al 2002. A questo dobbiamo numerose riprese recenti, che confermano quello che si sapeva benissimo: Will Eisner se n’e’ andato all’apice di una vitalità creativa che non ha conosciuto declino e che probabilmente non ha eguali nella storia del fumetto. In particolare, alcuni spezzoni della primavera/estate del 2004 lo mostrano al lavoro sulle ultime tavole di The plot / Il complotto, che da lì a poco avrebbe consegnato all’editore americano: la mano è ferma, il controllo totale e il risultato lo abbiamo visto di recente pubblicato anche in Italia.

Il tentativo – ambizioso e forse centrato solo in parte dalle versioni finora rilasciate – è quello di tracciare un percorso che renda omaggio alla figura unica di Will Eisner, cercando di spiegare il suo enorme contributo alla moderna narrazione per immagini, sia tramite le sue opere che attraverso l’influenza che ha esercitato su generazioni di autori di fumetti, llustratori, grafici, registi, romanzieri. Anche per questo sono numerose le interviste e i contributi, sia audio sia video: tra gli altri, , , Kurt Vonnegut, Trina Robbins, , , Milton Caniff, Denis Kitchen, Michael Chabon, Sergio Aragone’s. Altri contributi potrebbero aggiungersi in fase di montaggio.

Ma per quanto interessanti siano queste interviste, il vero interesse di “An artistic pioneer” sta nell’inserimento di immagini e filmati d’epoca, appositamente messi a disposizione da Eisner. Foto di famiglia, specialmente del padre e della madre di Eisner (che i lettori conoscono dalle pagine di Verso la tempesta, e che sono stati ritratti in in maniera meno strettamente biografica in quasi tutti gli altri romanzi), filmati degli anni ’30, ’40 e ’50 (la famiglia Eisner al gran completo, con una rara immagine della sorella scomparsa; il giovane Eisner in momenti di relax). Ma soprattutto una testimonianza unica: Eisner che accetta di parlare della figlia scomparsa a 16 anni per una forma fulminante di leucemia e che per decenni era stato uno dei tabu’ famigliari, noto solo a pochi amici intimi. Lo stesso Denis Kitchen, storico editore, amico e in seguito agente di Eisner, racconta di come non sapesse di questa tragedia famigliare quando, nel 1978, uscì “Contratto con Dio“.
La vicenda del pio Frimme Hersch, a cui una malattia crudele strappa la figlia innocente, e che per questo si ribella a Dio contestandogli il suo operato, può ora essere letta sotto una luce persino più intensa e straziante.

“Will Eisner: The spirit of an artistic pioneer” è un lavoro non compiuto, un work in progress ancora alla ricerca di una produzione e di cui ogni tanto vengono rilasciate versioni diverse. L’ultima è stata proiettata recentemente presso la Biblioteca del Congresso di Washington, in occasione dell’ICAF, l’annuale convegno di studio sul fumetto che quest’anno ha tributato un omaggio a Will Eisner. Una versione di 53′ minuti è a disposizione presso chi scrive e può essere visionata ed eventualmente proiettata su richiesta.

WILL EISNER : THE SPIRIT OF AN ARTISTIC PIONEER
Sceneggiatura: Andrew D. Cooke / Jon Cooke
Regia: Andrew Cooke
Produzione: Montilla Pictures
Durata: 53′

Andrew D. Cooke, sceneggiatore e regista cinematografico, vive e lavora a New York. Come ‘location manager’ ha lavorato con Steven Spielberg a “Cach me if you can” e con Cameron Crowe a “Vanilla Sky”. Come regista ha firmato il cortometraggio “A Short Journey”, presentato a diversi festival cinematografici negli USA. Insieme al fratello Jon ha sceneggiato ‘Will Eisner: The Spirit of an Artistic Pioneer’, il suo primo documentario.

Riferimenti:
– Dal sito della Montilla Pictures è scaricabile un teaser di 10 min. tratto dal documentario: www.montillapictures.com
– I libri di Will Eisner in Italia sono editi dalla Kappa edizioni: www.kappaedizioni.it/
– Recensione de Il complotto: www.lospaziobianco.it/?p=860

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.