Cronache

La Lucca del Vecio: Lucca o non Lucca?

La Lucca del Vecio: Lucca o non Lucca? - immagine1-2728A Casa!

Alla sera il popolo del fumetto contribuisce a portare ricchezza nella ridente cittadina toscana: cene di case editrici, forum, newsgroup e associazioni hanno animato pizzerie e ristoranti di Lucca. Mentre Pensioni, Bed & Breakfest e qualche albergo erano già esauriti da Ottobre.

Anche il sottoscritto ha partecipato alla cena Tunue’… anche se ormai in condizioni pietose, meditando già la ritirata strategica del giorno dopo, come si suol dire “La fortuna è cieca ma la sfortuna ci vede benissimo e ti guarda male…”
E’ stato comunque piacevole incontrare qualche lettore e vedere il fumetto apprezzato, anche se curiosamente l’unica copia presente dell’albo Intermezzi era la mia…

Dopo una notte a leggere “Cosplay Culture” (presto una recensione anche di questo :P) e qualche ora di sonno, domenica sono partito per ritornare a casa. E mentre partiva il treno per Firenze con un po’ di rammarico osservavo dal finestrino una nuova massa di visitatori che sbarcava sul binario per la domenica della fiera.

Quattro ore di viaggio sono comunque un discreto lasso di tempo per riflettere su questa Lucca e trarre qualche conclusione…

Lucca o non Lucca?

Lucca è sicuramente la fiera più grande che il fumetto nostrano abbia attualmente e forse proprio per questo è lo specchio di tutti i pregi e difetti di questo settore. Lucca è grande, divertente, animata e discretamente organizzata. E tuttavia è ancora davvero troppo poco.

Lucca sfrutta concorsi di cosplay, mostre e altre iniziative per fare evento e attirare visitatori (paganti) alla fiera ma quale è il vero ritorno per i lettori e l’editoria del fumetto (senza voler scomodare promozione e diffusione della cultura del fumetto)?

– La fiera italiana del fumetto per antonomasia non riesce a sopravvivere senza affiancare una cospicua sezione Games (che ormai ha invaso anche il nome “Lucca Comics &…”) giustificata da relazioni e professionisti che possono passare tra i fumetti e le illustrazioni dei giochi, più qualche caso di gioco tratto dai fumetti.

– Pochissime iniziative promozionali per i visitatori lettori, che pagano il biglietto ma trovano pochi sconti e poche proposte nuove ed esclusive… recuperabili tranquillamente nella fumetteria vicino casa, spesso scontate e senza biglietto all’ingresso (se la distribuzione per le fumetterie non avesse anch’essa i suoi bei problemi ma non è questa l’occasione per parlarne).

– Un premio che, come tutti i premi di fumetto in italia, è purtroppo solo un riconoscimento, direi quasi una pacca sulle spalle, tra adetti al settore. Sconosciuto e privo di prestigio presso i lettori ne influenza poco o niente le scelte di lettura.

– Le vendite delle case editrici ormai così al dettaglio, che vendere o no in fiera e con quella cinquantina di copie in più del traino della presenza dell’autore (spesso per le piccole realtà a spese sue :P), può fare la differenza.

Decisemente un paesaggio deludente, per quello che per qualità di immediatezza e semplicità dovrebbe essere uno dei linguaggi più diffusi e noti e che invece per svariati motivi è ormai un prodotto di nicchia, come i modellini e giocattoli giapponesi per collezionisti che l’affiancano anche in occasione della “sua” fiera.

Chiunque abbia visto la Fiera del Libro, sa che si può fare di più e dopo vent’anni di Lucca, il fumetto sarebbe maturo per il suo festival.
Saranno queste le metamorfosi del tema che si preparano per il fumetto? O saranno state scambiate per tali le iniziative di piccoli editori (e realtà ancor più piccole – associazioni culturali, liberi gruppi di autori-), timidi primi presagi di un cambiamento che un certo mondo del fumetto aspira ma che una fiera così può promuovere come anche facilmente soffocare?

Solo il tempo potrà dicerlo… comunque il futuro è ricco di belle speranze.
Buon Fumetto a Tutti! :)

Segui la striscia del Vecio su vecio-montagna.splinder.com.

(Fine)
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio